Edith González - Telenovelas Mania

telenovelasmania.it
LA TUA ENCICLOPEDIA DELLE TELENOVELAS
TELENOVELAS MANIA
Vai ai contenuti

Edith González

Attori & Attrici




BIOGRAFIA
Edith González Fuentes nasce in un ospedale di Città del Messico il 10 dicembre 1964 da Efrain González, ragioniere, e Ofelia Fuentes, casalinga.
La sua infanzia trascorre felice, coccolata dal fratello e amata dai genitori, cresce in un ambiente sereno e tranquillo.
All'età di 5 anni, accompagnata dalla madre Ofelia, assiste ad un programma televisivo "Siempre en domingo", dove viene notata dal produttore Antulio Jiménez Ponz, e dopo alcune prove Edith inizia la sua carriera di bambina prodigio nel film "Cosa juzgada" del 1970, accanto a Rafael Baledon e Martha Roth.
Dopo la sua prima esperienza televisiva, si dedica a programmi per bambini, film e telenovelas, continuando gli studi presso il collegio "William Shakesperare".
Nel 1971 recita nelle teleserie "La maldiciòn de la blonda" del 1971 con Gloria Marín, Nadia Milton, Carlos Piñar, Dunia Saldívar, Rafael del Río, Socorro Avelar e Eric del Castillo; in "Lucía Sombra", dove interpreta Erika Calvert, il personaggio di Susana Alexander, da bambina, recitando con grandi nomi del panorama televisivo messicano, come Ofelia Medina e Carlos Càmara; e in "El edifcio enfrente", dove dà vita a Martha.
Nel 1973 è nel cast de "Mi primer amor", sempre del registra e produttore Antulio Jiménez Pons, che l'aveva scoperta, e qui recita il ruolo di Lucía, accanto a Juan Ferrara, Ana Martín, Carlos Piñar, Rafael Baledón e Diana Bracho.
Nello stesso anno la vediamo interpretare l'indimenticabile ruolo della piccola Cosette nella serie "Los miserables", adattamento della famosa opera del grande scrittore e drammaturgo francese Victor Hugo, con Sergio de Bustamante (Jean Valjean), Blanca Sànchez (Fantine), Antonio Passy (Javert), Diana Bracho (Cosette da adulta) e Carlos Ancira e Magda Guzmàn (I Thernardier).
Nel 1975 interpreta il ruolo della piccola Clara in "Lo imperdonable", telenovela messicana di Caridad Bravo Adams e Fernanda Villeli, con Amparo Rivelles, Rogelio Guerra e Raquel Olmedo.
Contemporaneamente alla televisione, Edith dimostra la stessa versatilità al cinema con "El rey de los gorillas", "Cyclone", "Guiana, il crimine del secolo", tra i tanti film.
Non aveva ancora compiuto 14 anni quando viene chiamata per girare la telenovela che entrerà nella storia, "Anche i ricchi piangono", nel ruolo della figlia di Mariana, interpretata dalla grande Veronica Castro. In Italia e nel resto del mondo il successo è immenso e Edith decide di completare la sua formazione artistica tra Los Angeles, Londra, New York e Parigi.
Grazie all'interpretazione in "Anche i ricchi piangono", Edith viene chiamata per il suo primo ruolo da protagonista nella telenovela "Ambiciòn", prodotta nel 1980 da Valentín Pimstein, seguita da "Soledad", dove interpreta Luisa "Luisita" Sánchez Fuentes, accanto all'indimenticabile Libertad Lamarque.
Nel 1981 arriva "El hogar que yo robé" dove recita il ruolo di Paulina, ma è con "Bianca Vidal", che Edith lascia i ruoli di ragazzina e adolescente per interpretare una giovane donna, accanto a Salvador Pineda e Rocío Banquells.
Durante le riprese della telenovela, però, Edith riceve un duro colpo: suo padre muore di cancro. Grazie all'aiuto e al sostegno della famiglia, l'attrice riesce a superare questo dolore e a continuare la sua carriera con altre telenovelas di successo come "Un uomo da odiare" ("Monte Calvario"- 1988) dove interpreta Annalisa, una ragazza bella e molto buona, che viene obbligata dalla famiglia a sposarsi con Ottavio, un uomo malvagio, nonostante sia innamorata del giovane Carlos. La vita della giovane verrà però sconvolta dalla conoscenza del dottor Gianpaolo, interpretato da Arturo Peniche, che presto si trasformerà nel grande amore della sua vita.
Partecipa poi a "Flor y Canela" con Ernesto Laguardia, e in "Rosa selvaggia", dove debutta come villana nel ruolo di Lionella, anche se lascia la telenovela poiché il suo personaggio era troppo malvagio e non corrispondeva a ciò che era previsto inizialmente nel copione. Seguono "Natalie" (La fiera), con Victoria Ruffo e Guillermo Capetillo, dove interpreta Julie, "Sí, mi amor" e "Lista negra".
Con Gonzalo Vega e Eduardo Yáñez, torna al ruolo di protagonista in "Anima persa" (En Carne propia), nei panni di una ragazza cieca.
Il grande successo arriva nel 1993 con l'intramontabile telenovela "Cuore selvaggio", accanto ad Eduardo Palomo, Ariél Lopez Padilla e Ana Colchero.
La coppia protagonista cattura milioni di spettatori in tutto il mondo, perfino in Israele, Marocco e Russia, trasformando il remake in uno dei cult assoluti del mondo delle telenovelas.
L'anno seguente, Edith recita nel film "Salon Mexico", nel ruolo di una prostituta, cambiando completamente la sua immagine.
Nel 1996 è protagonista nella telenovela thriller targata Televisa prodotta da Julissa, dal titolo "La sombra del otro" con Rafael Rojas, Alejandro Camacho e Adriana Laffan.
L'anno seguente è nel cast de "La jaula de oro" con Saúl Lisazo, René Casados e Kenia Gascón, nuova versione di "Il segreto" (De pura sangre) del 1985.
Nel 1997 interpreta a teatro "Aventurera", che poi lascia dopo vari anni per girare "Nunca te olvidarè", con Fernando Colunga, ma vi torna a lavorare nel 2005.
Dopo la partecipazione nella serie per ragazzi "Cuento de Navidad", prodotta da Eugenio Cobo, nel 2001 Edith accetta una nuova sfida con "Salomé", remake della telenovela "Colorina", grande classico con Lucìa Méndez. Qui Edith ha la possibilità di mostrare le sue doti di ballerina e, accanto a Guy Ecker (Aroma de café), confeziona un altro successo di Televisa.
Ad inizio del 2004 Edith inizia le riprese della telenovela "Mujer de Madera" con Jaime Camil, Gabriel Soto, Maria Sortè, interpretando il personaggio di Marisa, una donna forte, resa dura dal tradimento del suo fidanzato che la lascia all’altare senza una spiegazione. Il pubblico la premia con ottimi ascolti fin dalle prime puntate, ma qualche mese dopo l’inizio delle riprese, Edith scopre di essere incinta ed esce dalla telenovela, lasciando il suo ruolo ad Ana Patricia Rojo.  La sua interpretazione, però, la inserisce comunque nelle nomination per il Trofeo "Tv y Novelas 2005" come Miglior Attrice Protagonista.
Il 17 agosto del 2004 nasce sua figlia Constanza, frutto della relazione con l'ex senatore messicano Santiago Creel Miranda.
Nel 2005 Edith, come annunciato precedentemente, accetta nuovamente di tornare a calcare le scene con "Aventurera", che durerà fino al 2008.
Nel 2006 è la volta di "Mundo de fieras", dove interpreta la malvagia Jocelyn, il suo primo e vero e proprio ruolo da villana, una donna affetta da bipolarismo. Grazie a questa magistrale interpretazione, vince il Premio Tv Y Novelas come Miglior Attrice Antagonista.
Nel 2007 recita in "Palabra de mujer" accanto a Juan Soler, nel ruolo di Vanessa, una donna che, dopo essere stata tradita dal marito, prende in mano le redini della sua vita e ricomincia a vivere.
In questo stesso periodo Edith gira il film "Deseo" con Christian Bach, Pedro Damian, Gerardo Taracena e Paola Nuñez (Pasion Morena), dove interpreta un’attrice lesbica, ricevendo molte critiche positive.
Edith parte poi per la Colombia poichè viene chiamata dalla catena statunitense TELEMUNDO, per una coproduzione con Televisa per interpretare il ruolo di
"Doña Bárbara", che la rilancia a livello internazionale per lo strepitoso successo. La telenovela racconta la storia di Barbara, una ragazza che viene violentata da 5 uomini. La violenza segnerà per sempre il suo destino, conducendola ad una vendetta implacabile che neppure l’amore per un uomo potrà fermare. Ancora una volta la telenovela ha un grandissimo successo, ed Edith vince ai "Premios People en Español 2009" e ai "Premios La Maravilla"  come Miglior Attrice Protagonista.
Tornata in Messico, ad aprile del 2009, senza un attimo di riposo, Edith interpreta  l’episodio “Clara Fantasiosa” per la serie tv "Mujeres Asesinas", per poi  iniziare la lavorazione di "Camaleones", telenovela diretta ad un pubblico adolescente anche per la partecipazione della cantante Belinda.
A settembre del 2010 Edith sposa l'economista messicano Lorenzo Lazo Margain e nello stesso anno lascia Televisa per passare alla storica rivale Tv Azteca.
E' per questa casa produttrice chenel 2011 interpreta Alma Duràn in "Cielo rojo", che arriva nei teleschermi italiani grazie al canale Lady Channel.
Qui recita accanto a Mauricio Islas, che presto diventa uno dei suoi più cari amici, Alejandra Lazcano, Lambda Garcìa, Regina Torné, Andrea Noli, Aura Cristina Geithner, tra i tanti.
Terminate le riprese di "Cielo rojo", continua con altre opere teatrali fino a partecipare nel 2012 in alcuni episodi della serie messicana "A corazòn Abierto".
Nel 2013 Edith è Paola, protagonista nella telenovela "Amore senza tempo" (Vivir a destiempo) con Humberto Zurita nel ruolo di antagonista e l'attore argentino Ramiro Fumazoni, portando sullo schermo molte tematiche sociali importanti, come quella della violenza sulle donne.
A teatro torna a recitare accanto a Mauricio Islas in "Los arboles mueren de pie" e nel 2014 inizia le riprese per la telenovela "Las Bravo", ancora una volta con Mauricio Islas e Saul Lizaso, con il quale aveva girato "La jaula de oro".
Nel 2016 per il tumore alle ovaie, le é stato tolto anche l'utero ma, nonostante le sofferenze per la malattia, Edith si è sempre mostrata col sorriso e con una straordinaria voglia di vivere e continuare nel suo lavoro di attrice a teatro e nella nuova avventura in un programma televisivo dedicato alla moda, "Este es mi estilo".
A maggio una recidiva purtroppo non le ha dato scampo ed Edith muore il 13 giugno 2019, lasciando un enorme vuoto nel mondo dello spettacolo.

TELENOVELAS
3 familias (2018) - Katy
Eva la trailera (2016) - Eva
Amore senza tempo (Vivir a destiempo) (2013) - Paola Duarte

Cielo rojo (2011) - Alma Duran

Camaleones (2009) - Francisca Campos de Ponce de Leon
Doña Bárbara (2008) - Barbara Guaimaran
Palabra de Mujer (2007/2008)
Mundo de Fieras (2006)
Mujer de madera (2004)
Amy, la niña de la mochila azul (2004)
Salomé (2001)
Nunca te olvidaré (1999)
La jaula de oro (1997)
La sombra del otro (1996)



Central camionera (1988)

Lista negra (1987)

Sí, mi amor (1984)
Bianca Vidal (1983)

Natalie (1983)

Chispita (1982)
El hogar que yo robé (1981)
Soledad (1980)

Ambición (1980)

Lo imperdonable (1975)
Los miserables (1973)
Mi primer amor (1973)
Lucía sombra (1971)
El amor tiene cara de mujer (1971)
Cosa juzgada (1970)


www.TELENOVELASMANIA.it

Contatti: info@telenovelasmania.it

Siti

Privacy Policy
 

 

© 2006-2019
Torna ai contenuti