En otra piel - Telenovelas Mania

telenovelasmania.it
LA TUA ENCICLOPEDIA DELLE TELENOVELAS
TELENOVELAS MANIA
Vai ai contenuti

En otra piel

Inedite Anno





DATI TECNICI
Titolo originale: En otra piel
Titolo internazionale: Part of me
Anno di produzione: 2014
Casa di produzione: Telemundo (Usa)
Regista: Eduardo Macìas, Luis Manzo, Ricardo Schwarz
Produzione: Ricardo Dimas, Vilmari Moreno, Diego Regalado, Gemma Lombardi
Soggetto: Laura Sosa
Puntate: 154 da 45 minuti

CAST
María Elisa Camargo - Adriana Aguilar / Mónica Serrano / Monica Arreaga
Jorge Luis Pila - Gerardo Fonsi
David Chocarro - Diego Ochoa
Vanessa Villela - Elena Serrano
Laura Flores - Mónica Serrano
Plutarco Haza - Carlos Ricalde
Marisela González - Selma Carrasco
Guillermo Quintanilla - Rodrigo Cantú
Gloria Peralta - Marta Cantú
Javier Gómez - Jorge Larrea / Julian Larrea
Karen Senties - Lorena Serrano
Beatriz Monroy - Victoria "Vicky" Andrade
Eduardo Ibarrola - Manuel Figueroa
Kendra Santacruz - Camila Larrea Serrano
Martín Barba - Ricardo Cantú
Omar Germenos - Esteban
Silvana Arias - Mayte
Adrián Carvajal - Ernesto Fonsi
Alexandra Pomales - Valeria
Omar Germenos - Esteban Lazo
Alba Raquel Barros - Doña Lupe
Jonathan Freudman - Gabriel Cantú
Óscar Priego - Jacinto Aguilar
María Elena Dávila - Jennifer
Gustavo Pedraza - Rottweiler
Juana Arias - Aylin
Daniela Macías - Susana
Gala Montes - Emiliana Larrea Serrano
Marina Catalán - Sonia Velasco
Víctor Corona - Jesus "Chucho"
Hely Ferrigny - Samuel Robles
Diana Franco - Chantal
Frank Guzmán - El Rayado
Rubén Morales - Don Mario "El Corleone"
Francisco Porras - Martín
Pablo Quaglia - Jerry
Luis Arturo Ruiz - Frank Méndez
Yamil Sesin - "El Pachuco"
Manuel Sevilla - Sánchez


TRAMA GENERALE
Protagoniste di questa storia sono due donne molto diverse tra loro ma unite da un tragico destino.
Adriana (Marìa Elisa Camargo) è un'umile cameriera di un bar che viene molestata dal proprietario, Carlos, che vuole saldare i debiti di gioco di suo fratello, proponendole di avere rapporti sessuali con lui.
La ragazza rifiuta ma l'uomo tenta di abusare di lei e durante la colluttazione, Adriana rimane gravemente ferita, tanto che Carlos crede di averla uccisa e ordina ai suoi uomini di disfarsi del cadavere. In realtà la ragazza è ancora viva e verrà ritrovata al fidanzato, Diego (David Chocarro), il quale la porta immediatamente in ospedale sperando di riuscire a salvarla.
Dall'altra parte troviamo Monica Serrano (Laura Flores), una pianista di successo, vedova e con due figlie, Camila ed Emiliana. La donna si è recentemente sposata con un uomo più giovane di lei che adora, Gerardo Fonsi (Jorge Luis Pila).
L'uomo, però, la tradisce con la sua stessa nipote, la perfida Elena (Vanessa Villela) la quale insieme al suo amante sta avvelenando poco a poco la zia, intenzionata a dividersi tutti i suoi soldi con Gerardo.
Adriana non sopravvive e i medici comunicano a Diego la triste notizia; nello stesso momento anche Monica perde la vita, uccisa da Elena, la quale era stanca di aspettare che morisse poco a poco come aveva pianificato con Gerardo.
Grazie ad un talismano "acchiappa anime" che Adriana aveva perso nella limousine di Monica dopo un loro incontro casuale, l'anima della pianista vaga e arriva fino in Messico per entrare nel corpo senza vita della giovane barista.
E così, proprio mentre i medici stavano per praticarle l'autopsia, Adriana si risveglia, scioccando tutti.
Diego è felicissimo e non crede ai suoi occhi ma presto scopre che la ragazza non lo riconosce e gli dice di chiamarsi Monica.
Il ragazzo è sconvolto e per una serie di coincidenze, viene incarcerato, accusato ingiustamente della morte di Jacinto, fratello di Adriana, ucciso in realtà dagli uomini di Carlos.
Quest'ultimo, infatti, venuto a sapere che Adriana è ancora viva, decide di punirla in modo ancora più crudele della morte, rovinando la vita al suo fidanzato e rapendola per poi spedirla oltre la frontiera insieme ad un gruppo di ragazze vittime della tratta.
Adriana/Monica farà di tutto per scappare e riuscirà a finire a Los Angeles dove comincerà a lavorare in quella che è stata un tempo la sua casa, vicina alle sue figlie, le quali ovviamente non la riconoscono.
Riuscirà Monica a ricordare chi l'ha uccisa e a proteggere Camila ed Emiliana? Ma soprattutto, capirà che l'uomo che ama in realtà l'ha sempre ingannata e ha pianificato con Elena la sua morte?






TRAMA COMPLETA
(trama a cura di Marianna. La storia è stata divisa in capitoli per facilitarne la lettura. E' vietato copiare il contenuto in altri siti!)

CAPITOLO 1
La telenovela racconta la storia di Monica e Adriana, due donne completamente diverse tra loro ma unite da un tragico destino.
Monica Serrano (Laura Flores) è una pianista di successo che ha dedicato gran parte della sua vita alla musica, allontanandosi spesso dai suoi familiari, in particolar modo dalle figlie, per girare il mondo con i suoi concerti.
La donna è vedova da cinque anni e si è sposata in seconde nozze con Gerardo Fonsi (Jorge Luis Pila), uomo che crede la ami ma che in realtà ha una relazione con la bella e provocante Elena (Vanessa Villela), nipote di Monica,che vive insieme a loro in una lussuosa villa con la cugina Emiliana (Gala Montes), la figlia minore della pianista.
Adriana Aguilar (Elisa Camargo), invece, è una ragazza di umili origini che lavora come cameriera in un bar ed è fidanzata con Diego (David Chocarro), col quale sogna di sposarsi.
La giovane ha perso i genitori e ha come unico familiare Jacinto, suo fratello, il quale ha il vizio del gioco e deve restituire una grossa somma di denaro a Carlos Ricalde (Plutarco Haza), un uomo senza scrupoli proprietario del bar dove Adriana lavora.
Le due donne protagoniste di questa storia si incontrano per caso poiché Adriana sta scappando da uno degli uomini di Carlos e finisce quasi per essere investita dalla limousine di Monica.
Quest'ultima, preoccupata, scende dall'auto per assicurarsi che la ragazza stia bene ed eventualmente portarla in ospedale.
Adriana le dice che non è necessario ma le chiede di darle un passaggio a casa del suo ragazzo, visto che ha ancora paura di essere seguita dal tipo che lavora per Carlos.
Monica la fa salire sulla limousine e le due iniziano a parlarsi come se si conoscessero da una vita. La giovane è molto emozionata perché è in compagnia della famosa pianista e le chiede di farsi una foto con lei e Monica, lusingata, accetta con piacere. Inoltre Adriana le chiede di aiutarla ad allacciarle la collana da cui non si separa mai, un regalo di uno sciamano, il quale le ha detto che il ciondolo ha poteri magici ed è in grado di intrappolare le anime nei corpi, visto che la sua è un'anima vagabonda e che senza questo oggetto vagherebbe di corpo in corpo.
La donna prende tra le mani il ciondolo e avverte una strana sensazione e, quando accompagna la ragazza a casa, si accorge che la collana le è caduta nella sua limousine e si ripromette di restituirgliela appena possibile.
Adriana torna a casa felice e racconta la serata a Diego, il quale l'aspettava ansioso a casa e le aveva organizzato una sorpresa per poi chiederle di sposarlo.
I due vanno a dormire ma, durante la notte, accade qualcosa di strano: Adriana, come se fosse nel pieno di una crisi di sonnambulismo,si alza dal letto e si avvicina al balcone. Per fortuna Diego si sveglia e riesce ad impedirle di gettarsi di sotto.
La ragazza si risveglia e, quando si accorge di aver perso la collana, entra nel panico e inizia a cercarla ovunque facendo spaventare Diego, il quale non capisce perché sia così importante per lei. Adriana gli dice che senza quella collana la sua anima vagherà e che è in pericolo, ma il ragazzo cerca di tranquillizzarla dicendole che sono solo sciocche superstizioni.
Nel frattempo Monica è felice di poter riabbracciare sua figlia Camila (Kendra Santacruz), che non vede da cinque anni poiché ha studiato in un collegio parigino. La donna ha sempre avuto un rapporto difficile con la primogenita perché quest'ultima l'accusa di aver pensato più alla carriera che ai bisogni della sua famiglia.
Intanto Adriana viene a sapere che suo fratello Jacinto è stato fatto picchiare dagli uomini di Carlos, a causa dei suoi debiti di gioco.
La ragazza, senza pensarci due volte, decide di recarsi dall'uomo per dargli una parte dei soldi, promettendogli di saldare il debito di Jacinto in una settimana.
Carlos le dice che il debito va pagato subito e tenta di violentarla ma la ragazza si ribella e, durante la colluttazione, ferisce il perfido uomo alla faccia, lasciandogli una grossa cicatrice.
Carlos, furioso, la prende con la forza e la giovane finisce per sbattere violentemente contro un mobile e perde i sensi.
Carlos crede di averla uccisa poiché non riprende conoscenza, e così ordina ai suoi uomini di sbarazzarsi del suo corpo e di gettarlo in una scarpata.
A casa Serrano, invece, Monica è sempre più debole a causa di Gerardo ed Elena, i quali hanno organizzato un piano per eliminarla, somministrandole poco a poco del veleno al posto dei medicinali che è solita prendere.
Inoltre Monica, da quando è in possesso della collana di Adriana, inizia ad avere delle visioni e a sentire lo stesso dolore che sente la ragazza, la quale ora si trova in fondo alla scarpata e ha ripreso conoscenza.
Diego, intanto, torna a casa e trova Jacinto a terra ferito, il quale gli dice che Adriana è in pericolo perché è andata da Carlos.
I due si precipitano al bar ma di Adriana nessuna traccia. Uno degli uomini di Carlos, Chucho, però, di nascosto dal suo capo, confessa di aver visto l'uomo caricare su un camion il corpo ormai senza vita della ragazza, ordinando di gettarlo via.
Diego e Jacinto sono sconvolti e chiamano la polizia ma sfortunatamente i poliziotti non possono arrestare Carlos perché non ci sono prove a suo carico.
I due, allora, decidono di cercarla da soli perlustrando per tutta la notte le terre dove probabilmente è stata gettata senza pietà la povera ragazza, sperando di trovarla ancora viva.
Adriana viene trovata da un'anziana donna che la porta nella sua baracca e che poi ordina a suo nipote di cercare un medico.
Per fortuna lungo la strada il ragazzo incontra Diego e Jacinto e li conduce dalla nonna. I due portano via Adriana ma vengono raggiunti dagli uomini di Carlos, inviati dal loro capo dopo che un investigatore, pagato da Monica, è andato al bar a chiedere informazioni sulla giovane.
Monica, infatti, preoccupata per Adriana a causa delle visioni, ha incaricato l'uomo di trovarla e assicurarsi che quello che ha visto non sia vero.
Intanto il piano di Elena e Gerardo non sembra dare i suoi frutti e la donna chiede all'amante di uccidere Monica con un veleno più potente. L'uomo, che in un primo momento ha appoggiato Elena, inizia ad avere qualche ripensamento e propone alla sua amante di scappare via con i soldi che hanno già rubato all'azienda di famiglia, senza dover eliminare per forza la moglie.
Elena, però, non è d'accordo e lo ricatta ricordandogli che è stata lei a salvarlo e a farlo uscire dal carcere e gli dice che se non la aiuterà, rivelerà a tutti il suo passato.
L'uomo è costretto a cedere e si prepara per uccidere sua moglie facendo finta di andare a prendere un bicchiere d'acqua per lei visto che doveva assumere un medicinale. In realtà l'uomo va in bagno e mette il veleno mortale nel bicchiere d'acqua e si prepara a scendere al piano di sotto, ignaro che sta per accadere qualcosa di molto strano a sua moglie.
Intanto Adriana è stata portata in ospedale ed è in gravissime condizioni. Durante la fuga dagli uomini di Carlos, anche Jacinto è stato ferito ad una gamba e si sente in colpa per quanto accaduto alla sorella.
I medici avvertono Diego della gravità delle condizioni di Adriana e gli dicono che sta per morire e che non possono fare nulla per salvarla.
Carlos viene a sapere che la ragazza è ancora viva e si reca in ospedale per spaventarla. In quel momento anche Monica assiste alla scena, lasciando tutti i suoi familiari sconvolti poiché si estranea completamente e inizia ad urlare.
Dopo aver minacciato Adriana, Carlos si allontana dicendole che non deve rivelare a nessuno quello che è successo se non vuole che suo fratello e Diego muoiano.
Intanto Monica si riprende e torna in sé. Emiliana è molto preoccupata per sua madre dopo quello che ha visto e non riesce a darsi una spiegazione logica ma la donna cerca di tranquillizzarla dicendole che va tutto bene.
Alla scena, oltre ad Emiliana e alla servitù, ha assistito anche Selma (Marisela González), una cara amica di Monica, che si occupa di fenomeni paranormali in un programma televisivo insieme al suo compagno Esteban.
Selma indaga sulla storia di Monica e scopre che il ciondolo della collana che ha perso Adriana è un "intrappola anime" e inizia a sospettare che non sia solo una credenza popolare.
Gerardo, che non ha assistito alla scena, raggiunge la moglie con in mano il bicchiere d'acqua che dovrebbe contenere il veleno mortale. In realtà l'uomo si è pentito all'ultimo momento e ha deciso di non uccidere più Monica ma Elena se ne accorge subito e decide di agire da sola. La perfida ragazza entra nella camera della zia e la sorprende in compagnia del marito interrompendo un momento di intimità tra i due. Gelosa come non mai, Elena chiede a Monica di seguirla perché deve farle firmare dei documenti per l'azienda.
Una volta arrivate nello studio, Elena si avvicina alla zia e le indica cosa deve firmare. Con grande sorpresa di Monica, la nipote è pronta a iniettarle un liquido mortale che le provocherà di lì a poco la morte.
Contemporaneamente muore anche Adriana nel letto di ospedale e Jacinto autorizza l'autopsia sul suo corpo.
Mentre Monica è agonizzante sul pavimento, Elena le rivela il motivo del gesto che ha fatto gridandole tutto il suo odio per averle rubato l'uomo che amava, averla separata da sua madre con la scusa che aveva problemi di infermità mentale e di averla sempre messa in secondo piano.
"Sono stanca di essere solo l'assistente di Monica Serrano!"
In quel momento il cane inizia ad abbaiare senza sosta e Camila, che stava per uscire, si preoccupa e rientra in casa temendo sia successo qualcosa di brutto.
Ed è così che sorprende Elena stesa accanto al cadavere di sua madre, mentre finge di piangere la sua morte.
Camila è sconvolta e presto anche gli altri entrano nello studio e scoprono la terribile tragedia.
L'ultima ad arrivare è Emiliana che si getta sul cadavere della mamma in lacrime.
Il medico informa i presenti che la morte della donna è stata causata da un infarto.
In realtà Gerardo ha capito benissimo che è stata Elena ad ucciderla, ma l'amante gli dice che questa volta lei non c'entra nulla anche se non può nascondere la sua felicità per la scomparsa della zia.
Con la morte di Monica, però, accade qualcosa di strano: l'anima della donna entra nel corpo di Adriana, la quale si risveglia pochi attimi prima di essere sottoposta all'autopsia.
Diego rimane a bocca aperta ed è felice più che mai che la donna che ama sia sopravvissuta miracolosamente.
Monica, però, nel corpo di Adriana, non riconosce affatto il giovane ed è spaventata.
Diego viene fatto allontanare dai medici e va a dare la notizia a Jacinto, che intanto è stato assassinato brutalmente, e, spaventato, raccoglie un coltello vicino al cadavere. In quel momento arriva l'infermiera che subito crede sia stato lui ad uccidere il giovane. Diego scappa via perché sente che anche Adriana sia in pericolo e che gli uomini di Carlos siano entrati nell'ospedale per ucciderla. Quando la polizia lo ferma il giovane continua a gridare che Adriana è in pericolo. La ragazza, però, dichiara di non averlo mai visto e lo prega di smetterla di chiamarla Adriana, visto che si chiama Monica Serrano.La polizia, allora, decide di portalo al commissariato, accusandolo di omicidio.


CAPITOLO 2
Camila ed Emiliana sono a pezzi per la morte della loro madre ed Elena fa finta di essere addolorata e di offrire il suo appoggio alle cugine.
Diego viene portato in carcere accusato della morte di Jacinto, il quale è stato in realtà ucciso dagli uomini di Carlos.
I medici cercano di capire cosa sia successo ad Adriana e la sottopongono ad alcuni esami. Uno di loro cerca di farsi raccontare quali sono i suoi ultimi ricordi e la giovane gli dice che ha due figlie e che sono in pericolo anche se non ricorda il perché.
Il medico cerca di tranquillizzarla e le dice che le sue analisi sono perfette e che non deve preoccuparsi.
"Ricordo solo che vivo qui a Los Angeles" dice la giovane al suo medico.
"Signora Monica, ma qui siamo a Città del Messico." replica l'uomo sorpreso.
Adriana è sconvolta e non capisce come mai sia potuta arrivare lì ma fortunatamente riesce a ricordare il suo numero di cellulare e chiede al medico di farle fare una telefonata.
Al cellulare risponde Elena che si trova in quel momento in compagnia di Gerardo.
La giovane si infastidisce quando Adriana le parla come se fosse Monica e la invita a smettere di dire simili sciocchezze altrimenti la denuncerà alla polizia.
"Monica Serrano è morta. Morta!!"
Adriana è sconvolta e non sa cosa pensare. La giovane è sicura che le sue figlie siano in pericolo ma non riesce a ricordare nient'altro e chiede ai medici di uscire dall'ospedale per raggiungere le ragazze.
I medici, però, credendo sia pazza, la legano al letto, visto che più volte ha tentato di alzarsi e di uscire dalla camera.
Il giorno dopo una delle infermiere le si avvicina e le mostra un borsone con degli abiti.
"Tieni, questi sono dei vestiti. Véstiti e scappa via così puoi raggiungere le tue figlie" le dice la donna facendole credere di volerla aiutare e di capire la sua disperazione.
In realtà, però, appena uscita dall'ospedale, Adriana viene caricata sul furgone di Carlos, il quale aveva pagato l'infermiera per "consegnarle" la ragazza.
La giovane viene poi caricata insieme ad altre due ragazze, Valeria (Alexandra Pomales) e Maite (Silvana Arias), su un camion diretto a San Diego. Lì la giovane, disperata, racconta la sua storia alle due, le quali iniziano a credere che sia pazza, visto che dice di avere una figlia di 20 anni e un'altra di 11.
Una di loro le porge uno specchietto e per la prima volta Monica si rende conto di essere nel corpo di un'altra persona.
Adriana, Maite e Valeria vengono portate in un locale di San Diego dove immediatamente vengono obbligate a cambiarsi per iniziare a lavorare come prostitute.
Le tre ragazze sono sconvolte e in modo particolare la più piccola, Valeria, che non è mai stata con un uomo ed è spaventatissima. La giovane viene portata nella camera di un pezzo grosso della politica, il giudice Manuel Figueroa (Eduardo Ibarrola), che si diverte a picchiare ragazze giovanissime prima di abusare di loro.
Adriana, invece, viene portata in una stanza dove l'aspetta Carlos, il quale vuole approfittare di lei. La giovane si ribella ma viene picchiata e poi violentata dall'uomo che già aveva tentato di abusare di lei prima che l'anima di Monica entrasse nel suo corpo.
Dopo la violenza, però, Adriana non si arrende e cerca di convincere le altre ragazze ad attuare un piano per fuggire via da quell'inferno.
Nel gruppo, però, ce n'è una che, temendo di fare una brutta fine, decide di rivelare tutto ai padroni, impedendo così la fuga.
Adriana e le altre vengono punite ma la giovane, dopo aver rubato un accendino dallo studio di Carlos, dà fuoco ad una delle camere sperando che il pericolo d'incendio riesca a farla fuggire insieme alle sue amiche.
Il perfido uomo, infatti, vedendo il fumo uscire dalla camera, entra per controllare cosa stia succedendo. In quel momento Adriana lo chiude a chiave nella stanza e, fuggendo via, si ferma nello studio di Carlos dove ruba dei soldi e i passaporti falsi che avevano preparato per lei e le sue amiche.
Per fortuna la giovane riesce a far scappare anche Valeria e Maite, le quali, dopo aver vagato per la città, raggiungono una casa isolata dove rubano dei vestiti stesi ad asciugare per non dare nell'occhio con gli abiti che indossano.
Le tre ragazze trovano un passaggio grazie ad un brav'uomo che le fa salire sul suo camion . Durante il tragitto, però, Adriana vede l'insegna dei vigneti "Larrea" e chiede all'uomo di fermarsi perché riconosce quel luogo come suo. La giovane inizia a correre e raggiunge il cancello della sua villa dove vede la figlia Emiliana.
Adriana non riesce a trattenere le lacrime e chiama la ragazza, la quale ovviamente non la riconosce.
Maite e Valeria la raggiungono e le dicono di allontanarsi dalla villa e di continuare a cercare un posto dove alloggiare.
Adriana non fa che ripetere di dover proteggere le sue figlie e Maite la rimprovera dicendole che non può continuare a dire di chiamarsi Monica e di avere due figlie di 20 e 11 anni, poiché è assurdo.
Adriana si allontana con le due amiche, emozionata ma allo stesso tempo tanto triste perché nessuno la può riconoscere, tranne Pacho, il suo cane.
Le tre ragazze continuano a vagare per la città in cerca del locale "La malquerida" dove una di loro dice di avere una parente che lavora lì e che può aiutarle. Finalmente riescono a trovarlo, anche se la zia di Valeria non lavora più lì. Adriana vede alla tv la trasmissione della sua amica Selma e decide di chiamare al numero in sovrimpressione.
Selma risponde alla chiamata e rimane di stucco quando Adriana le dice di essere Monica Serrano e di trovarsi intrappolata nel corpo di una ragazza.
I conduttori mandano la pubblicità e la donna crede sia stato uno scherzo di cattivo gusto, non immaginando che fosse davvero una richiesta di aiuto della sua cara amica.
Adriana è afflitta ma decide di non arrendersi e si presenta sul posto di lavoro della donna e le chiede di parlare.
Selma la riconosce subito poiché stava indagando su di lei dopo la morte di Monica e le strane visioni della donna.
Adriana, però, crede di essere stata riconosciuta in quanto Monica, ma poi più tardi si rende conto che non è così e cerca di dimostrarle di essere proprio la sua cara amica.
Selma va tu tutte le furie e sta per andare via quando Adriana intona una musica che aveva scritto per lei. La donna rimane a bocca aperta ma presto si convincerà che sia stato tutto organizzato da qualcuno e che lei sia un'attrice.
Adriana la prega di crederle perché è l'unica persona che può aiutarla, allora Selma le chiede di dirle quale oggetto le ha consegnato Monica perché potesse investigare.
Adriana non ricorda poiché la sua memoria non è tornata del tutto e Selma crede che la stia prendendo in giro.
La ragazza raggiunge le sue amiche alla pensione dove hanno trovato alloggio e le due, vedendo Adriana così triste, capiscono che è successo qualcosa di brutto.
Intanto a casa Serrano viene letto il testamento di Monica: il 90% dell'azienda e la casa appartengono a Gerardo.
Camila va su tutte le furie e non riesce a credere che sua madre abbia lasciato tutto nelle mani di Gerardo e nulla alle sue figlie, se non il 10% dell'azienda, quasi come se contasse più suo marito che la sua vera famiglia.
In realtà il testamento è stato modificato da un esperto pagato da Elena e Gerardo, il quale tra l'altro ha ucciso il vero notaio che si stava occupando del caso, sotto minaccia della sua complice.
Adriana, intanto, ricorda la storia del talismano e corre subito da Selma per dirglielo. La donna continua a non crederle e chiede alla ragazza di suonare il piano per provarle di essere la vera Monica Serrano.
Con sua grande sorpresa, Adriana suona lo strumento con una tale abilità e con lo stile inconfondibile della sua amica.
Finalmente Selma capisce che nel corpo di Adriana c'è Monica e decide di aiutarla.
Purtroppo però la donna è costretta a dirle che, anche se la sua anima vive, il suo corpo è morto e la porta al cimitero dove è stata seppellita.
Adriana è sconvolta e si allontana in lacrime, urlando tutto il suo dolore.

CAPITOLO 3
Monica, nelle sembianze di Adriana, è sconvolta dopo aver appreso che il suo corpo è seppellito al cimitero e che ha lasciato le sue due figlie orfane.
La donna sa che Emiliana e Camila sono in pericolo ma non riesce a ricordare il motivo e vuole trovare un modo per poter stare vicino alle sue figlie senza insospettire nessuno.
E così, approfittando del fatto che Selma le ha detto che Emiliana è stata espulsa dalla scuola e che nessun istituto è disposto ad accettarla, decide di proporsi come istitutrice della ragazza, così da poter stare vicino a lei e a Camila e dunque proteggerle.
Selma, allora, si reca alla villa per proporre la cosa a Lorena, che ora è la tutrice di Emiliana e quindi si occupa della sua istruzione.
In un primo momento Lorena è un po' titubante ma poi finisce per accettare e chiede a Selma di presentarle la sua amica dicendole che valuterà se assumerla o meno solo dopo averne parlato con Emiliana.
Quest'ultima non prende bene la decisione della zia di farle dare lezioni private in casa e scappa via rifugiandosi nell'immenso giardino della villa, in un luogo dove era solita passare dei pomeriggi con sua madre, il loro posto segreto.
Adriana decide si farsi chiamare Monica perché è l'unica cosa che le rimane della sua vecchia vita, visto che ora è una ragazza di 24 anni e nessuno la riconosce.
La giovane si presenta alla villa per il colloquio ma Emiliana è sparita e tutti sono preoccupati perchè non riescono a trovarla.
Gerardo vede per la prima volta Adriana/Monica e ne rimane affascinato. La ragazza riesce a stento a trattenere l'emozione perché dopo tanto tempo finalmente può rivedere l'uomo che ama, anche se lui non la riconosce.
Adriana/Monica si ricorda del posto segreto dove passava delle ore con Emiliana e, appena tutti si allontanano per cercarla, si dirige in quel luogo e si presenta come nuova istitutrice.
L'emozione è fortissima e la ragazza cerca di abbracciare la figlia, anche se questa si tira indietro perchè ovviamente non la conosce.
Emiliana, però, prova simpatia verso di lei e dopo una chiacchierata le due tornano a casa; la ragazzina è entusiasta della nuova istitutrice e chiede alla zia Lorena di assumerla.
Monica inizia così a lavorare nella villa che un tempo era sua e la vicinanza con Gerardo non fa che complicare le cose perché la distoglie dalla sua priorità: scoprire il pericolo che stanno correndo le figlie e proteggerle.

CONTINUA...






COLONNA SONORA

"En otra piel" de Laura Flores (sigla)

En otra piel mi alma esconde suenos y sus desnudez
repite asi su vida que se fue sin saber
de una razon que pueda al dolor justificar.

En esa piel lo que deje pendiente en el amor tendre
sera perfecta nuestra sociedad al vivir,
tu cuerpo y mi alma de la soledad se alejaran.

RIT: Y viviré en ti y tu en mi
seràs mi musica y yo seré tu libertad
y escaparas en mi y yo en ti
para poder sentir lo que no puedo ver morir
en otra piel.

Te dejaré cuando levante el vuelvo en cuando ya no esté
y mas allà del tiempo te veré, te hablaré
para poder seguir sintiendo lo que lleves en la piel.

RIT: Y vivire en ti y tu en mi
seràs mi musical y yo seré tu libertad
y escaparas en mi y yo en ti
para poder sentir lo que no puedo ver morir
en otra piel.


"Para Olvidarte" de Ender Thomas (tema di Ricardo e Camila)

Sonries cuando estes con el, inventa que me fuiste infiel
dejale saber al mundo que encontraste al hombre que no pude ser.
Castigame con tu desprecio, disfruta viendome en el suelo,
dime que las madrugadas no me extreñas nada, matame de celos.
Dime todo lo que te imagines, humillame, hasta dime que te enamoraste
para ver si asì puedo olvidarte.

RIT: Para olvidarte tendrìas que arrancarme el corazon
llevarte mis recuerdos con tu adios
talvez asì podré olvidarte.
Para olvidarte tendria que vivir en otra piel
con sangre fria y alma de papel
porque tu eres inborable
y tu no es tan facil, pero yo me niego a olvidarte.

Dime que el amor se fué sin intenciones de volver,
hecame toda la culpa de nuesto fracaso una y otra vez.
Dime todo lo que te imagines, humillame.
Hasta dime que te enamoraste
para ver si asì puedo olvidarte.

RIT: Para olvidarte tendrìas que arrancarme el corazon
llevarte mis recuerdos con tu adios
talvez asì podré olvidarte.
Para olvidarte tendria que vivir en otra piel
con sangre fria y alma de papel
porque tu eres inborable...

Trato de que pase el tiempo
a ver si un dia me despierto,
y no te pienso, no te pienso.
Es demasiado para odiarte,
te confieso que no puedo.
RIT: Para olvidarte tendrìas que arrancarme el corazon
llevarte mis recuerdos con tu adios
talvez asì podré olvidarte.
Para olvidarte tendria que vivir en otra piel
con sangre fria y alma de papel
porque tu eres inborable
y tu no es tan facil
pero yo me niego a olvidarte, me niego a olvidarte.




I PERSONAGGI

  

 

  

 

 

  

 

 

 

 

 






I RIASSUNTI
(Riassunti  a cura di Marianna. E' vietato copiare il contenuto in altri siti! Grazie)

EPISODIO 1
Monica Serrano (Laura Flores) è una pianista di successo che ha dedicato gran parte della sua vita alla musica, allontanandosi spesso dai suoi familiari, in particolar modo dalle figlie, per girare il mondo con i suoi concerti.
La donna è vedova da cinque anni e si è sposata in seconde nozze con Gerardo Fonsi (Jorge Luis Pila), uomo che crede la ami ma che in realtà ha una relazione con sua nipote, la bella e provocante Elena (Vanessa Villea), che vive insieme a loro in una lussuosa villa con la cugina Emiliana, la figlia minore di Monica.
Adriana Aguilar (Elisa Camargo), invece, è una ragazza di umili origini che lavora come cameriera in un bar ed è fidanzata con Diego (David Chocarro), col quale sogna di sposarsi.
La giovane ha perso i genitori e ha come unico familiare Jacinto, suo fratello, il quale ha il vizio del gioco e deve restituire una grossa somma di denaro a Carlos, un uomo senza scrupoli proprietario del bar dove Adriana lavora.
Le due donne protagoniste di questa storia si incontrano per caso poiché Adriana sta scappando da uno degli uomini di Carlos e finisce quasi per essere investita dalla limousine di Monica.
Quest'ultima, preoccupata, scende dall'auto per assicurarsi che la ragazza stia bene ed eventualmente portarla in ospedale.
Adriana le dice che non è necessario ma le chiede di darle un passaggio a casa del suo ragazzo, visto che ha ancora paura di essere seguita dal tipo che lavora per Carlos.
Monica la fa salire sulla limousine e le due iniziano a parlarsi come se si conoscessero da una vita. La giovane è molto emozionata perché è in compagnia della famosa pianista e le chiede di farsi una foto con lei.
Monica ne è lusingata e accetta con piacere. Inoltre Adriana le chiede di aiutarla ad allacciarle la collana da cui non si separa mai, un regalo di uno sciamano, il quale le ha detto che il ciondolo ha poteri magici ed è in grado di intrappolare le anime nei corpi, visto che la sua è un'anima vagabonda e che senza questo oggetto vagherebbe di corpo in corpo.
La donna prende tra le mani il ciondolo e avverte una strana sensazione e, quando accompagna la ragazza a casa, si accorge che la collana le è caduta nella sua limousine e si ripromette di restituirgliela appena possibile.
Adriana torna a casa felice e racconta la serata a Diego, il quale l'aspettava ansioso a casa e le aveva organizzato una sorpresa per poi chiederle di sposarlo.
I due vanno a dormire ma, durante la notte, accade qualcosa di strano: come se fosse nel pieno di una crisi di sonnambulismo, Adriana si alza dal letto e si avvicina al balcone. Per fortuna Diego si sveglia e riesce ad impedirle di gettarsi di sotto.
La ragazza si risveglia e, quando si accorge di aver perso la collana, entra nel panico e inizia a cercarla ovunque facendo spaventare Diego, il quale non capisce perché sia così importante per lei. Adriana gli dice che senza quella collana la sua anima vagherà e che è in pericolo, ma il ragazzo cerca di tranquillizzarla dicendole che sono solo sciocchezze.
Nel frattempo Monica è felice di poter riabbracciare sua figlia Camila, che non vede da cinque anni poiché ha studiato in un collegio parigino. La donna ha sempre avuto un rapporto difficile con la primogenita perché quest'ultima l'accusa di aver pensato più alla carriera che ai bisogni della sua famiglia.
Intanto Adriana viene a sapere che suo fratello Jacinto è stato fatto picchiare dagli uomini di Carlos, a causa dei suoi debiti di gioco.
La ragazza, senza pensarci due volte, decide di recarsi dall'uomo per dargli una parte dei soldi, promettendogli di saldare il debito di Jacinto in una settimana.
Carlos le dice che il debito va pagato subito e tenta di violentarla. La ragazza, però, si ribella e, durante la colluttazione, ferisce il perfido uomo alla faccia, lasciandogli una grossa cicatrice.
Carlos, furioso, la prende con la forza e la giovane finisce per sbattere violentemente contro un mobile e perde i sensi.
Contemporaneamente anche Monica inizia a sentire il dolore della giovane e sviene durante il concerto nella sua villa...


EPISODIO 2
Carlos crede di aver ucciso Adriana poiché la ragazza non riprende conoscenza, e così ordina ai suoi uomini di sbarazzarsi del suo corpo e di gettarlo in una scarpata.
A casa Serrano, invece, Monica è sempre più debole a causa di Gerardo ed Elena, i quali hanno organizzato un piano per eliminarla, somministrandole poco a poco del veleno al posto dei medicinali che è solita prendere.
Inoltre Monica, da quando è in possesso della collana di Adriana, inizia ad avere delle visioni e a sentire lo stesso dolore che sente la ragazza, la quale ora si trova in fondo alla scarpata e ha ripreso conoscenza.
Diego, intanto, torna a casa e trova Jacinto a terra ferito. Il giovane gli dice che Adriana è in pericolo perché è andata da Carlos.
I due si precipitano al bar ma di Adriana nessuna traccia. Uno degli uomini di Carlos, Chucho, però, di nascosto dal suo capo, confessa di aver visto l'uomo caricare su un camion il corpo ormai senza vita della ragazza, ordinando di gettarlo via.
Diego e Jacinto sono sconvolti e chiamano la polizia. Sfortunatamente i poliziotti non possono arrestare Carlos perché non ci sono prove a suo carico.
I due, allora, decidono di cercarla da soli perlustrando per tutta la notte le terre dove probabilmente è stata gettata senza pietà la povera ragazza, sperando di trovarla ancora viva.
Adriana viene trovata da un'anziana donna che la porta nella sua baracca e che poi ordina a suo nipote di cercare un medico.
Per fortuna il ragazzo incontra Diego e Jacinto e li conduce dalla nonna. I due portano via Adriana ma vengono raggiunti dagli uomini di Carlos, inviati dal loro capo dopo che un investigatore, pagato da Monica, è andato al bar a chiedere informazioni sulla giovane.
Monica, infatti, preoccupata per Adriana a causa delle visioni, aveva incaricato l'uomo di trovarla per assicurarsi che quello che aveva visto non fosse vero.
Diego e Jacinto caricano in macchina Adriana e iniziano a fuggire dagli uomini di Carlos. In quel momento Monica, che si trova con la sua amica Selma in un bar, vede tutto quello che sta succedendo come se fosse presente. Selma rimane scioccata perché la sua amica sembra essersi isolata dal mondo...

EPISODIO 3
Monica è molto spaventata perchè ha avuto di nuovo una visione nella quale ha assistito ad una sparatoria. Selma è molto preoccupata per la sua amica e non riesce a darsi una spiegazione logica riguardo a quello che ha visto.
La donna promette di aiutare Monica ad investigare sul talismano che Adriana ha perso nella sua limousine e le consiglia di calmarsi.
Monica torna a casa spaventata e parla con Gerardo dicendogli che ha paura di morire perché ultimamente non si sente bene. L'uomo la rassicura ma la loro conversazione viene interrotta dallo squillo del telefono di Gerardo. Monica, allora, approfitta del fatto che il marito debba andare via per lavoro per accedere alla stanza segreta e nascondere nella cassaforte il talismano e la foto che si è fatta con Adriana.
Camila, intanto, conversa con Ricardo, uno dei figli della governante, con il quale ha avuto una relazione prima di partire per Parigi. Tra i due c'è ancora qualcosa e la giovane confida a lui tutti i suoi pensieri e le problematiche con la madre.
Il piano di Elena e Gerardo non sembra dare i suoi frutti e la donna chiede all'amante di uccidere Monica con un veleno più potente. L'uomo, che in un primo momento ha appoggiato Elena, inizia ad avere qualche ripensamento e propone alla sua amante di scappare via con i soldi che hanno già rubato all'azienda di famiglia senza dover eliminare per forza la moglie.
Elena, però, non è d'accordo e lo ricatta ricordandogli che è stata lei a salvarlo e a farlo uscire dal carcere e gli dice che se non la aiuterà, rivelerà a tutti il suo passato.
L'uomo è costretto a cedere e si prepara per uccidere sua moglie facendo finta di andare a prendere un bicchiere d'acqua per lei visto che doveva assumere un medicinale. In realtà l'uomo va in bagno e mette il veleno mortale nel bicchiere d'acqua e si prepara a scendere al piano di sotto, ignaro che sta per accadere qualcosa di molto strano a sua moglie.
Intanto Adriana è stata portata in ospedale ed è in gravissime condizioni. Durante la fuga dagli uomini di Carlos, anche Jacinto è stato ferito ad una gamba e si sente in colpa per quanto accaduto alla sorella.
I medici avvertono Diego della gravità delle condizioni di Adriana e gli dicono che sta per morire e che non possono fare nulla per salvarla.
Carlos viene a sapere che la ragazza è ancora viva e decide di recarsi in ospedale per spaventarla. In quel momento anche Monica assiste alla scena, lasciando tutti i suoi familiari sconvolti poiché si estranea completamente e inizia ad urlare.
Dopo aver minacciato Adriana, Carlos si allontana dicendole che non deve rivelare a nessuno quello che è successo se non vuole che suo fratello e Diego muoiano.
Monica si riprende e torna in sé. Emiliana è molto preoccupata per sua madre dopo quello che ha visto e non riesce a darsi una spiegazione logica. La donna cerca di tranquillizzarla e le dice che va tutto bene.
Alla scena, oltre ad Emiliana e alla servitù, ha assistito anche Selma, la cara amica di Monica, che si occupa di fenomeni paranormali in un programma televisivo e che si convince ancora di più che quello che accade alla donna va oltre ogni spiegazione logica.

EPISODIO 4
Diego si accorge che in sua assenza qualcuno è entrato nella stanza di Adriana e cerca di rincorrerlo senza però riuscire a raggiungerlo. Il giovane, preoccupato, litiga con la guardia e lo rimprovera di non saper fare il suo dovere, visto che ha permesso ad un estraneo di entrare nella stanza senza fare niente.
Selma, intanto, indaga sulla storia di Monica e scopre che il ciondolo della collana che ha perso Adriana è un "intrappola anime" e inizia a sospettare che non sia solo una credenza popolare, anche se è sempre stata molto scettica.
Gerardo, che non era presente quando Monica ha avuto quella terribile visione, raggiunge la moglie con in mano il bicchiere d'acqua nel quale avrebbe dovuto versare il veleno mortale. In realtà l'uomo si è pentito all'ultimo momento e ha deciso di non uccidere più Monica, gettando il liquido nel lavandino.
Elena se ne accorge subito e decide di agire da sola. La perfida ragazza entra nella camera della zia e la sorprende in compagnia del marito interrompendo un momento di intimità tra i due. Gelosa come non mai, Elena chiede a Monica di seguirla perché deve farle firmare dei documenti per l'azienda.
Una volta arrivate nello studio, Elena si avvicina alla zia e le indica cosa deve firmare. Con grande sorpresa di Monica, la nipote è pronta ad iniettarle un liquido mortale che le provocherà di lì a poco la morte.
Contemporaneamente muore anche Adriana nel letto di ospedale e Jacinto autorizza l'autopsia sul suo corpo.
Mentre Monica è agonizzante sul pavimento, Elena le rivela il motivo del gesto che ha fatto gridandole tutto il suo odio per averle rubato l'uomo che amava, averla separata da sua madre con la scusa che aveva problemi di infermità mentale e di averla sempre messa in secondo piano.
"Sono stanca di essere solo l'assistente di Monica Serrano!"
In quel momento il cane inizia ad abbaiare senza sosta e Camila, che stava per uscire, si preoccupa e rientra in casa temendo sia successo qualcosa di brutto.
Ed è così che sorprende Elena stesa accanto al cadavere di sua madre, mentre finge di piangere la sua morte.
Camila è sconvolta e presto anche gli altri entrano nello studio e scoprono la terribile tragedia.
L'ultima ad arrivare è Emiliana che si getta sul cadavere della mamma in lacrime.
Il medico informa i presenti che la morte della donna è stata causata da un infarto.
Ma Gerardo ha capito benissimo che è stata Elena ad ucciderla, anche se l'amante gli dice che questa volta lei non c'entra nulla ma che non può nascondere la sua felicità per la scomparsa della zia.
Con la morte di Monica, però, accade qualcosa di strano: l'anima della donna si allontana dal suo corpo ed inizia a sollevarsi, quasi come se stesse volando, fino a raggiungere Città del Messico ed entrare nel corpo di Adriana, la quale si risveglia miracolosamente, pochi attimi prima di essere sottoposta all'autopsia.
Diego rimane a bocca aperta ed è felice più che mai che la donna che ama sia sopravvissuta miracolosamente.
Monica, però, nel corpo di Adriana, non riconosce affatto il giovane ed è spaventata.

EPISODIO 5
Diego chiede spiegazioni ai medici ma, vedendo che Adriana non riconosce il giovane, lo fanno allontanare. Il ragazzo, allora, corre da Jacinto per dirgli che sua sorella è viva. Ma appena si avvicina si accorge che il giovane è stato assassinato. Spaventato, prende il coltello accanto al letto e in quel momento arriva l'infermiera che subito pensa che sia stato lui ad uccidere il giovane. Diego scappa via perché crede che anche Adriana sia in pericolo e che gli uomini di Carlos siano entrati nell'ospedale per ucciderla. Ma la polizia lo ferma accusandolo di aver ucciso il cognato. Il giovane continua a gridare che Adriana è in pericolo e che vuole vederla. La polizia entra nella stanza della ragazza e le chiede se conosce il giovane. Adriana, però, dichiara di non averlo mai visto in vita sua e lo prega di smetterla di chiamarla Adriana, visto che si chiama Monica Serrano.
La polizia, allora, decide di portalo al commissariato, accusandolo dell'omicidio di Jacinto.
Diego è sconvolto e crede di essere protagonista di un incubo, visto che non ha nemmeno fatto in tempo a gioire del fatto che Adriana si fosse risvegliata che subito è stato separato da lei con l'accusa di un delitto che non ha commesso.
I medici sottopongono Adriana a tutti gli accertamenti e non capiscono come mai le analisi risultano perfette.
Camila ed Emiliana, intanto, sono a pezzi per la morte della loro madre ed Elena fa finta di essere addolorata e di offrire il suo appoggio alle cugine.
Diego viene portato in carcere accusato della morte di Jacinto, il quale è stato in realtà ucciso dagli uomini di Carlos.
Questi ultimi, inoltre, avvertono il capo che Adriana si è miracolosamente risvegliata e Carlos, allora, decide di continuare il suo piano di vendetta contro di lei.
Un medico, intanto, cerca di farsi raccontare da Adriana quali sono i suoi ultimi ricordi e la giovane gli dice che ha due figlie e che sono in pericolo anche se non ricorda il perché.
Il medico cerca di tranquillizzarla e le dice che le sue analisi sono perfette e che non deve preoccuparsi perché presto si riprenderà del tutto e recupererà la memoria.
"Ricordo solo che vivo qui a Los Angeles" dice la giovane al suo medico.
"Signora Monica, ma qui siamo a Città del Messico." replica l'uomo sorpreso.
Adriana è sconvolta e non capisce come mai sia potuta arrivare lì ma fortunatamente riesce a ricordare il suo numero di cellulare e chiede al medico di farle fare una telefonata.
Al cellulare risponde Elena che si trova in quel momento in compagnia di Gerardo.
La giovane si infastidisce quando Adriana le parla come se fosse Monica e la invita a smettere di dire simili sciocchezze altrimenti la denuncerà alla polizia.
"Monica Serrano è morta. Morta!! Se riprova a chiamare la denuncio!"
Adriana è sconvolta e non sa cosa pensare. La giovane è sicura che le sue figlie siano in pericolo ma non riesce a ricordare nient'altro e chiede ai medici di uscire dall'ospedale per raggiungere le ragazze.
I medici, però, credendo sia pazza, la legano al letto, visto che più volte ha tentato di alzarsi e di uscire dalla camera.
Il giorno dopo la famiglia Serrano si riunisce per il funerale di Monica e Camila decide di rimanere a vivere con la sorella e di non ritornare più a Parigi.
Alla cerimonia si presenta anche la sorella di Monica, Lorena, madre di Elena. Quest'ultima la odia e la prega di andare via.
Nello stesso momento Diego, disperato, tenta di spiegare alla polizia la sua innocenza ma senza ottenere nulla.
All'ospedale una delle infermiere si avvicina ad Adriana e le mostra un borsone con degli abiti.
"Tieni, questi sono dei vestiti. Véstiti e scappa via così puoi raggiungere le tue figlie" le dice la donna facendole credere di volerla aiutare e di capire la sua disperazione.
In realtà, però, appena uscita dall'ospedale, Adriana viene caricata sul furgone di Carlos, il quale aveva pagato l'infermiera per "consegnarle" la ragazza.

EPISODIO 6
Al funerale di Monica è presente anche Rodrigo, padre di Ricardo e Gabriel, e marito della governante Tita. Quest'ultima, però, separata da molti anni con lui, gli si avvicina pregandolo di andare via e dicendogli di non mettere più piede lì dopo tutto quello che le ha fatto soffrire quando ha cominciato a bere a rovinarsi la vita.
Adriana, intanto, viene caricata insieme ad altre due ragazze, Valeria e Maite, su un camion diretto a San Diego.
Le ragazze sono spaventatissime; Adriana, disperata, racconta la sua storia alle due, le quali iniziano a credere che sia pazza, visto che dice di avere una figlia di 20 anni e un'altra di 11.
"Ma come è possibile? Ti hanno drogata? Sei avrai al massimo 25 anni! Come puoi avere una figlia di 20?" le dice Maite. Poi si volta e prende uno specchietto porgendolo ad Adriana.
Per la prima volta Monica/Adriana si rende conto di essere nel corpo di un'altra persona e rimane scioccata.
Nel frattempo alla villa Gerardo, Elena, Camila ed Emiliana ricevono tutti gli amici e i parenti che vogliono dare un ultimo saluto a Monica. Tra di loro c'è qualcuno che parla male della defunta, insinuando che sicuramente Gerardo non l'amava poiché era ormai vecchia.
Emiliana scolta la conversazione e va su tutte le furie, cacciando le due signore dalla villa.
Il camion che trasporta le tre ragazze si ferma per l'arrivo della polizia. Adriana invita le altre a gridare in modo che i poliziotti possano sentirle e salvarle.
Con grande sorpresa, però, le tre ragazze capiscono che quei poliziotti sono dei clienti del locale di Carlos a San Diego, un postribolo.
Uno di loro vorrebbe portarsi via Adriana, ma gli uomini di Carlos gli dicono che la ragazza è merce riservata al capo.
Le tre giovani vengono portate nella loro camera dove una donna si occupa di farle lavare, vestire e truccare per ricevere i loro primi clienti.
Valeria è la più spaventata, visto che non è mai stata con un uomo e Adriana cerca di tranquillizzarla, comportandosi con lei come una madre.
Adriana cerca di reagire e di ribellarsi alla donna che, per conto di Carlos, la obbliga a prostituirsi. La donna, però, visto che ormai la ragazza non è più la protetta del suo capo, l'avverte che se oserà ribellarsi, se la prenderà con le sue amiche. E infatti ferisce con un coltello la povera Maite che viene portata in infermeria.
Poco dopo Adriana e Valeria vengono presentate ai clienti del postribolo; Valeria viene scelta da un pervertito che si diverte a picchiare le donne e poi a violentarle. L'esperienza segnerà per sempre la vita della povera ragazza.
Adriana, invece, viene portata da Carlos, il quale le dice che sarà finalmente sua. Adriana è sconvolta perchè non conosce l'uomo e gli dice di chiamarsi Monica.
Dopo aver opposto resistenza e avergli morso le labbra, facendogliele sanguinare, Carlos decide di legare la ragazza e abusare di lei.

EPISODIO 7
In carcere Diego vive momenti di angoscia ma cerca di reagire grazie all'amore che sente per Adriana.
Il suo unico pensiero, infatti, è quello di uscire di lì e cercare la ragazza, ovunque lei si trovi. Il giovane riceva la visita di Chucho, il quale gli dice di averla vista caricare sul camion diretto ad un postribulo.
Il giovane è sconvolto e inizia ad urlare poiché Chucho non ha il coraggio di denunciare Carlos, contribuendo così alla sofferenza di Adriana.
Ma non è l'unico problema che Diego deve affrontare: in carcere, infatti, ci sono due bande, una capitanata da Don Mario e un'altra da El Rayado, che gli rendono la vita impossibile.
El Rayado, infatti, invia un biglietto e un coltellino a Diego in cui gli ordina di uccidere don Mario altrimenti lo eliminerà.
Diego non è disposto ad accettare il ricatto e affronta gli uomini del malvivente e riesce a disarmare uno di loro, dimostrando il suo coraggio e la sua abilità nel combattere.
Don Mario viene a sapere dell'incontro e inizia a pensare di volerlo avere dalla sua parte.
Selma, intanto, contatta l'investigatore che Monica aveva pagato per indagare su Adriana. La donna gli dà altri soldi per scoprire dove si trova la ragazza, sperando di risolvere almeno in parte il mistero sulle visioni e sul talismano.
L'investigatore le dice che la giovane è stata ricoverata in gravi condizioni in ospedale e che ha rischiato di morire. Selma non può credere a ciò che sente, poiché vuol dire che tutto quello che Monica vedeva corrispondeva alla realtà.
Nel frattempo Elena, ad insaputa del suo amante, si reca dal notaio per attuare la seconda parte del suo piano. La donna racconta all'uomo di aver scoperto che Gerardo ha ucciso Monica e che quindi la zia non è morta di morte naturale.
Il notaio rimane a bocca aperta ma le dice che non potrà far nulla se non gli fornisce delle prove. Elena finge di essere spaventata poiché vive sotto lo stesso tetto di un assassino e lo prega di avere cura del testamento di Monica, perché sicuramente Gerardo vorrà impossessarsene per sbarazzarsene e risultare l'unico erede della moglie.
Il notaio crede alla storia di Elena e le promette di fare il possibile per aiutarla.
Dopo la violenza Monica/Adriana inizia a ricordare qualcosa del suo passato e in particolare ricorda l'uomo che amava, Gerardo.
Ma mentre lei si dispera e cerca di superare quel bruttissimo momento e di consolare Valeria che è completamente distrutta, Gerardo è in compagnia di Elena e passa la notte con lei.
E non è tutto: Elena è pronta ad attuare la seconda fase del suo piano, ossia impossessarsi del testamento della zia e farne uno nuovo in cui risulta come erede principale Gerardo, destando da lei ogni sospetto.
Per far ciò, la donna chiama il notaio dicendole che ha ascoltato una conversazione tra Gerardo e i suoi complici, nella quale ha detto di voler rubare il testamento. Elena gli dice che è il caso di vedersi di persona e di mettere in salvo il testamento e di portarlo con sé.
Il notaio accetta ed Elena gli dà appuntamento in un posto isolato dopo di che chiama Gerardo facendo finta di avere bisogno di lui perché le si è fermata la macchina.
L'uomo, infatti, la raggiunge poco dopo ma la trova in compagnia del notaio. Elena spara alla gamba di quest'ultimo e chiede a Gerardo di ucciderlo.
L'uomo è sconvolto e crede che Elena sia impazzita. La donna lancia un telefonino ai piedi del notaio e dice a Gerardo di ucciderlo se non vuole che chiami la polizia.
L'uomo si trova così costretto ad uccidere e ad aiutare Elena a sbarazzarsi del cadavere e simulare il furto.
Elena è tutta contenta e durante il viaggio di ritorno a casa, commenta con Gerardo il contenuto del testamento di Monica, ridendo di lei.
Lorena, intanto, cerca di guadagnarsi l'affetto delle nipoti e resta a vivere alla villa della sorella in attesa della lettura del testamento, nel quale è stata nominata anche lei.
Adriana, nonostante sia distrutta per la violenza subita, non è intenzionata ad arrendersi e promette alle ragazze di farle uscire da quell'incubo, costi quel che costi.
Arriva la sera e iniziano ad entrare i clienti al locale; tra di loro c'è di nuovo quell'uomo che ha violentato Valeria, il quale subito le si avvicina per sceglierla.
Adriana, però, appena lo vede, lo riconosce e gli urla tutto il suo disprezzo. Si tratta niente di meno che del giudice Manuel Figueroa, vecchio amico di Monica.
La donna non immaginava che il giudice fosse un uomo così ripugnante e lo lascia senza parole quando gli dice di conoscerlo benissimo e lo chiama per nome.

EPISODIO 8
Figueroa non può credere che qualcuno l'abbia riconosciuto e va su tutte le furie, credendo sia stato tutto organizzato da Carlos per ricattarlo. L'uomo abbandona il locale promettendo di vendicarsi. Dopo lo scandalo, anche gli altri clienti vanno via e così il postribolo perde tutti gli incassi di una sera.
Chantal, la responsabile, va su tutte le furie e dice alle ragazze che dovranno lavorare il triplo il giorno dopo e fa picchiare, su ordine di Carlos, Adriana.
La ragazza torna nella sua camera dopo le torture e quasi non riesce a camminare.
Appena si riprende un po', però, invita le ragazze a unire le forze e a lottare per fuggire da quell'incubo.
Diego, intanto, viene contattato da don Mario che gli dice di mettersi dalla sua parte in cambio della sua protezione. Il ragazzo non accetta e gli dice di non aver paura di lui. Don Mario apprezza il coraggio di Diego e si promette di aiutarlo ad uscire di lì, convinto della sua innocenza.
Emiliana è sempre più triste per la scomparsa della madre e lo è ancora di più perchè Pacho, il cane, è scappato dalla villa e non si sa più dove sia.
La bambina, allora, di nascosto da tutti, si mette l'impermeabile e gli stivali e cammina sotto la pioggia per cercare Pacho finché arriva al cimitero e lo trova accanto alla tomba della madre.
Lorena si accorge che Emiliana non è in camera sua e trova un bigliettino in cui dice che è andata a cercare il cane.
Immediatamente tutti si mettono a cercare la bambina e Selma, che aveva chiamato Lorena per sapere come stava, le suggerisce di cercarla al cimitero perché ha saputo di alcuni cani che sono andati sulla tomba del loro padrone.
Elena corre per arrivare prima sul posto intenzionata ad uccidere la ragazzina. Gerardo, accortosi della cosa, glielo impedisce. Emiliana ha passato tutta la notte al freddo insieme a Pacho ed ha le febbre alta. Per fortuna tutto si risolve.
A San Diego, mentre Adriana sta cercando di convincere tutte ad aiutarla nel piano di fuga, Chantal entra e chiede come mai si siano riunite e di cosa stiano parlando.
Adriana finge di essere pentita di averle disobbedito e le promette di comportarsi bene e di fare tutto quello che lei le chiederà.

EPISODIO 9
Chantal non crede al pentimento di Adriana e la mette alla prova, facendola inginocchiare e chiedendole di baciarle i piedi.
Adriana lo fa e le altre ragazze la guardano stupite. In realtà la giovane lo fa apposta per guadagnarsi la fiducia di Chantal e riuscire ad attuare il suo piano di fuga.
Una di loro le dice che sa come procurarsi le chiavi dello studio di Chantal, poiché lì c'è un telefono.
Gerardo ferma Elena proprio mentre sta per puntare la pistola verso Emiliana. Pacho, per difenderla, attacca Elena e poco dopo arrivano Ricardo e Gabriel, il quale riesce a far calmare il cane.
Il giovane nota che c'è una pistola a terra e non crede al fatto che Gerardo l'abbia portata con sé per difendere Emiliana da un eventuale pericolo.
Elena e Gerardo tornano alla villa e l'uomo rimprovera l'amante per aver tentato di uccidere Emiliana e le dice che fuggirà via se farà del male alle figlie di Monica.
Ricardo racconta l'accaduto a Gabriel, suo fratello, e gli dice che trova molto strano che Elena e Gerardo siano arrivati sul posto insieme, visto che non erano in casa quando Lorena aveva ricevuto la chiamata di Selma, che le suggeriva di andare al cimitero.
La polizia indaga e convoca Carlos Ricalde al commissariato perché sospetta di lui. L'uomo è stato pagato da Don Mario, il quale vuole veramente aiutare Diego ad uscire di prigione.
Elena, per paura di avere tutti e due fratelli contro, fa finta di provare attrazione per Gabriel, provocandolo ogni volta che ritiene necessario, poiché sa che il ragazzo non resiste al fascino femminile e ha avuto già diverse relazioni.
Intanto al locale di San Diego Adriana si mette a suonare il piano e tutti i clienti restano a bocca aperta, soprattutto Chantal e Carlos, il quale non si spiega come mai una semplice cameriera abbia potuto studiare musica ed essere così brava.
Mentre tutti sono distratti dalla musica di Adriana, altre due ragazze attirano con l'inganno una guardia e, dopo avergli dato una botta in testa, rubano le chiavi dell'ufficio di Chantal.
Al carcere, uno degli uomini di Carlos, parla con il Rayado e gli ordina di uccidere Diego dandogli un assegno.
Le ragazze passano le chiavi ad Adriana, la quale smette di suonare mentre Maite accende lo stereo e mette un po' di musica più movimentata.
Carlos le si avvicina e lei fa finta di aver capito la lezione e di voler ripetere la notte di passione con lui. Carlos le dice che sapeva che prima o poi avrebbe ceduto. La giovane fa finta di andarsi a ritoccare il trucco ed entra nello studio di Chantal per cercare i documenti delle ragazze e telefonare e chiedere aiuto.
Intanto Chantal chiede a Rita, la ragazza più fedele a lei del gruppo, e le chiede dov'è andata Adriana. La giovane, spaventata, le dice che le altre hanno organizzato un piano di fuga.
Carlos arriva proprio quando sta chiamando la polizia e picchia la ragazza che gli urla di aver agito da sola.
Chantal convoca tutte le altre ragazze e chiede loro chi ha aiutato Adriana a scappare. La ragazza continua a dire di aver agito da sola e di aver minacciato le altre per farsi aiutare.
Rita, però, dice a Carlos che non è vero perchè erano tutte d'accordo.
Mentre Carlos dice a tutte che punirà tutte, specialmente Valeria, Adriana ruba un accendino e lo nasconde.
La povera Valeria scopre che il suo cliente sarà il giudice Figueroa, con il quale ha parlato e che ha convinto a ritornare al locale.
Adriana inizia a gridare e gli dice che non è giusto che punisca lei che non c'entra niente, ma che deve prendersela solo con lei.
Carlos le dice che è proprio quello che sta facendo, visto che ha capito che tiene molto a Valeria e che vuole sempre proteggerla.
Carlos chiude Adriana in una stanza e si allontana per parlare con Chantal per rimproverarla di non aver saputo domare la ragazza.
Intanto alla villa di Monica viene letto il testamento: la donna lascia la villa, il 90% dei soldi e i vigneti a Gerardo Fonsi, mentre a Camila spetta solo il 10%.
Adriana, allora, approfittando dell'assenza di Carlos, prende una bottiglia di vodka e la versa a terra vicino alla finestra, dopo di che incendia le tende, sperando che tutti si accorgano presto dell'incendio e aprano la porta.

EPISODIO 10
Adriana riesce a fuggire insieme a Maite e Valeria, non prima di aver rubato i soldi e i documenti dalla cassa di Chantal. La polizia scopre cosa nascondeva quel locale di proprietà di Carlos Ricalde e ordina il suo arresto. L'uomo fugge, Chantal viene messa in carcere, mentre le tre ragazze trovano rifugio vicino ad una casa isolata e rubano dei vestiti per non dare nell'occhio.
Intanto Camila è furiosa perché il notaio ha letto il testamento di sua madre e la donna ha lasciato tutto a Gerardo, destinando solo il 10% a lei. La giovane inizia a pensare che la madre non sia stata una persona così buona come tutti dicevano.
Ricardo consiglia a Camila di impugnare il testamento e verificare se realmente è stato firmato da Monica. Elena va su tutte le furie e cerca di nascondere la sua rabbia davanti alle cugine.
Selma guarda il tg e vede il video dell'incendio al locale di Carlos e riconosce Adriana, la ragazza sulla quale stava investigando la sua amica Monica.
Adriana, Maite e Valeria trovano un passaggio su un camion che trasporta della frutta ma improvvisamente, durante il tragitto, Adriana riconosce i suoi vigneti e fa fermare il mezzo.
Le altre due ragazze non capiscono cosa voglia fare e la seguono. Adriana arriva fin davanti casa sua e si ferma davanti al cancello dove vede sua figlia Emiliana. La giovane non può trattenere l'emozione...


www.TELENOVELASMANIA.it

Contatti: info@telenovelasmania.it

Siti

Privacy Policy
 

 

© 2006-2019
Torna ai contenuti