Avenida Brasil


(Brasile, 2012)
 

 


 

(trama a cura di Marianna.  E' vietato copiare il contenuto in altri siti senza autorizzazione!)

 

CAPITOLO 1

Genésio (Tony Ramos), è un vedovo che vive con sua figlia Rita (Mell Maia), una bambina molto dolce.
L'uomo è sposato con Carmen Lùcia Moreira de Souza, meglio conosciuta come Carminha (Adriana Esteves), una donna di umili origini, ambiziosa e malvagia, disposta a qualsiasi cosa per ottenere ciò che vuole, soprattutto una posizione economica che la soddisfi.
La donna si comporta in modo aggressivo con la piccola quando Genésio non è in casa, e si mostra invece una donna dolce e amorevole in presenza del marito.
Un giorno Carminha, con l'aiuto di Max (Marcelo Novaes), organizza un piano per impossessarsi del denaro di Genésio, che l'uomo sta per ritirare dalla banca dopo aver venduto la sua casa per comprarne una più grande.
La piccola Rita ascolta la telefonata della matrigna e riferisce tutto al padre.
Genésio, inizialmente, crede che la figlia stia mentendo e che sia solo gelosa poiché Carminha sta occupando il posto di sua madre, ma ben presto si rende conto che è tutto vero.
L'uomo sale dalla banca con una valigetta piena di fogli al posto del denaro e aspetta di essere aggredito, come era nei piani di Carminha.
Dopo l'aggressione da parte di Max, l'uomo torna a casa dopo aver ritirato i soldi veri e li nasconde.
Per non far capire di essere al corrente di tutto, Genésio fa credere a Carminha di essere molto spaventato per l'aggressione subita e di essere disperato per aver perso tutti quei soldi.
Più tardi, dopo aver chiesto a Rita di controllare per bene il posto dove ha nascosto i soldi, Genésio promette alla sua bambina di tornare presto e di liberarsi per sempre della matrigna.
Così l'uomo segue sua moglie e la sorprende con il suo amante.
Carminha non può più mentire e aggredisce l'uomo facendolo cadere dalle scale.
La donna scappa via e Genésio riesce ad alzarsi e prova a chiedere aiuto.
Ma, vagando per il quartiere sotto la pioggia e senza lucidità per il colpo ricevuto, l'uomo finisce proprio
in mezzo alla strada, l'Avenida Brasil, dove una macchina lo investe.
L'autista della vettura è  Tufão (Murilo Benìcio), un giocatore del Flamengo che passava di lì e che non ha avuto il tempo di frenare poiché Genésio è sbucato all'improvviso.
Tufão scende dalla macchina e tenta di soccorrere l'uomo che ha investito ma, purtroppo, non c'è più nulla da fare.
Genésio pochi attimi prima di morire pronuncia il nome completo di sua moglie: Carmen Lùcia Moreira de Souza.
Tufão crede che la vittima gli stia chiedendo di prendersi cura della donna, ma in realtà l'uomo voleva rivelare il nome della donna che lo aveva ridotto in quello stato per denunciarla.
Tufão chiama i soccorsi ma, spaventato, corre via.
Carminha festeggia insieme a Max la morte di Genésio e tenta di scoprire dove ha nascosto i soldi veri minacciando la piccola Rita.
La bambina tenta di prendere i soldi approfittando dell'assenza della matrigna, in modo da metterli in un posto ancora più sicuro e lontano da casa.
Ma Carminha, prevedendo la mossa di Rita, si è nascosta e l'ha seguita, scoprendo così dove nasconde il denaro.
La perfida donna decide di liberarsi della figliastra e ordina a Max di portarla in una discarica abbandonata per affidarla a Nilo (José de Abreu), un uomo che vive lì e sfrutta i bambini facendoli lavorare in condizioni penose.
La povera Rita inizia così a vivere un vero incubo in un ambiente sporco e ostile dove sono pochi a sopravvivere.
Nella discarica vive anche Lucinda (Vera Holtz), una donna che accoglie in casa sua dodici bambini abbandonati. Tra di loro c'è Batata, un ragazzino che è riuscito a fuggire dalle grinfie di Nilo.
Una sera Batata trova Nina in una macchina abbandonata della discarica, piangendo. Il ragazzino decide di proteggerla e i due diventano amici.
Batata vorrebbe che Rita abitasse insieme a lui e dopo qualche esitazione, Lucinda accetta di accogliere la piccola.
I due amici legano sempre più finché un giorno decidono di fidanzarsi e organizzano le nozze alla discarica, promettendosi di amarsi per sempre.
Nilo si aggira sempre più spesso intorno alla casa di Lucinda, la quale, temendo che possa succedere qualcosa di brutto, riesce a trovare una coppia di sposi disp
osta ad adottare Rita e a darle così una vita migliore.
I nuovi genitori di Rita sono Martìn (Jean Pierre Noher) e Denise (Celia Grezpan), e porteranno la bambina in Argentina.
Dalla partenza di Rita, Batata si sente molto triste e solo.
Nel frattempo Tufão si avvicina a Carminha, sentendosi in colpa per aver ucciso suo marito, fingendosi grande amico di Genésio.
Carminha capisce che l'uomo non ha mai conosciuto il suo defunto marito ma decide di approfittare della situazione e fargli credere di essere molto addolorata per la perdita, convinta di trarre non pochi benefici dalla cosa, essendo Tufão un uomo molto ricco.
I due iniziano a frequentarsi sempre più spesso finché Carminha riesce a sedurlo con la sua finta bontà.
Un giorno la donna inscena anche un tentativo di suicidio per far credere a Tufão di volersi uccidere perché ha scoperto di essere incinta di Genésio e di non avere i mezzi per mantenerlo.
Tufão si impietosisce e, dopo aver passato la notte con lei, decide di sposarla e di farsi carico del bambino che aspetta, che non è affatto di Genésio, ma di Max.
Tufão, però, prima di conoscere Carminha, era findazato con Monalisa (Heloìsa Périssé), una parrucchiera che lo ha sempre sostenuto quando desiderava diventare un calciatore.
La donna, dopo essere stata abbandonata, decide di lasciare la città ma durante il viaggio, l'autobus finisce fuori strada e Monalisa rimane ferita e perde il bambino, che da poco aveva scoperto di aspettare da Tufão.
Distrutta dal dolore, la donna tenta di ricominciare e adotta un ragazzino, Iran (Bruno Gissoni).
Intanto Carminha e Tufão sono diventati marito e moglie. La donna, per non separarsi dal suo amante Max, fa in modo che Ivana (Letìcia Isnard), sorella di Tufão, si innamori di lui e lo sposi.
Così le due coppie vanno a vivere nella stessa villa dove Carminha, di nascosto, continua la sua relazione con l'amante.
Il destino vuole che Tufão conosca Batata e riconosce in lui un gran talento per il mondo del calcio.
Su pressione di Carminha, che finge di avere a cuore la situazione del ragazzino, riesce ad adottarlo.
Da questo momento in poi si chiamerà Jorginho, mentre Rita viene chiamata dalla sua nuova famiglia, Nina.
 

CAPITOLO 2

Passano 13 anni e Nina è diventata un degli chef più bravi in Argentina.
La ragazza non ha dimenticato tutto ciò che ha dovuto subire a causa di Carminha e, dopo la morte del suo padre adottivo, Martìn, che tentava in ogni modo di controllare la sua rabbia e di farle dimenticare, decide di tornare in Brasile per vendicare la morte di suo padre.
Nina durante tutti gli anni passati all'estero non ha smesso di "seguire" Carminha e sa che ora è sposata con Tufão e che vive da regina in una bellissima villa.
Nina fa amicizia via chat con Ivana, la quale le dice che stanno cercando una cuoca e che le piacerebbe che fosse lei, visto che sono diventate buone amiche.
Nina e Ivana si incontrano dal vivo e la cuoca viene assunta a casa di Tufão.
Fin da subito Carminha, pur non riconoscendola, umilia Nina e non riconosce il suo talento culinario.

Nina fa amicizia con Agata, figlia di Carminha e Max, una bambina molto sensibile che soffre perché sua madre non fa altro che dirle che è grassa.
La perfida donna, però, nutre un debole per Jorginho (Cauã Reymond), poiché in realtà questi è il suo vero figlio, che fu costretta ad abbandonare quando era pi
ù giovane.
Nina conosce Jorginho senza sapere che il giovane non è niente di meno che Batata, il suo amore d' infanzia e compagno di tante avventure.
Jorginho è fidanzato con Débora (Nathalia Dill), anche se la loro relazione è basata molto sulla passione e non su un vero sentimento.
Jorginho non ama la sua madre adottiva e ammira molto, invece, Tufão, che si è sempre dimostrato molto affettuoso.
In occasione dei 12 anni di matrimonio di Carminha e Tufão, Jorginho arriva ubriaco alla festa e davanti a tutti confessa di non sentirsi parte della famiglia, poiché è stato adottato.
In realtà Jorginho vuole colpire sua madre, interessata solo alle cose materiali, e che sente di non ricambiare l'amore di suo marito.
Intanto Nina va a far visita a Lucinda alla discarica e ricorda tutti i momenti vissuti con lei e Batata. Inoltre ritrova la sua migliore amica, Betania (Bianca Comparato).
Un giorno Nina trova nella stanza di Jorge una foto in cui è ritratto insieme a lei da piccoli e capisce che è proprio Batata.
La ragazza va su tutte le furie perché Lucinda glielo ha nascosto, pur sapendo tutta la verità.
La donna, infatti, le aveva rivelato che era stato adottato da una coppia poco dopo la sua partenza per l'Argentina e che non lo aveva più visto da allora.
La convivenza tra i due ragazzi fa sì che si innamorino l'uno dell'altra, ma Nina non ha nessuna intenzione di abbandonare il suo piano di vendetta nei confronti di Carminha, anche perché il ragazzo non immagina che Nina e Rita siano la stessa persona.
Un giorno Jorginho viene colto da una crisi di sonnambulismo e si allontana dalla villa vagando per le strade.
Nina lo vede da lontano e corre verso di lui riuscendo a salvarlo prima che venga investito da un auto.
Carminha da questo momento, grata per aver salvato la vita di suo figlio, inizia a trattare Nina in modo diverso.
Un giorno la donna si reca a fare shopping con la ragazza che la sorprende a rubare un vestito, pur potendosene permettere quanti ne vuole.
Varcata la soglia del negozio, l'allarme suona e il venditore obbliga Carminha a mostrargli il contenuto della borsa.
Nina, allora, rivela di essere stata lei a mettere il vestito nella borsa della sua padrona.
Carminha rimane scioccata e capisce che Nina è davvero una brava ragazza e che può essere una valida amica.
La ragazza, infatti, riesce a guadagnarsi la fiducia della sua più grande nemica mostrandosi servizievole e disposta a soddisfare ogni suo desiderio e a consigliarla quando ne ha bisogno.
Un giorno, però, Nilo riferisce a Carminha che la figlia di Genésio è tornata in Brasile e ha fatto visita a Lucinda.
Nina, spaventata, chiede a Betania di farsi passare per lei, in modo da depistare la donna.
Per fortuna la ragazza riesce ad ingannare Carminha, la quale mantiene sempre lo stesso rapporto con Nina, facendosi passare con lei come una madre e una sposa esemplare che ha sofferto tanto in passato.
Infatti la donna confessa a Nina di aver perso le tracce della bambina del suo defunto primo marito, un ubriacone, fuggita dopo la morte del padre.
La ragazza fa finta di credere alla storia di Carminha e le offre tutto il suo appoggio e la sua comprensione.
Max propone a Carminha, che continua ad essere la sua amante, di organizzare un finto sequestro della donna per poter ricavare molti soldi e andare via lontano. Carminha, dopo qualche esitazione, accetta, rassicurata da Max che le promette che i suoi complici la tratteranno come una regina.
Ma non tutto va come previsto: Nina ascolta la conversazione tra i due amanti e, nascostasi nel bagagliaio dell'auto della padrona, ha scoperto il luogo del decide di avvertire Tufão attraverso dei bigliettini anonimi.
Il giorno della festa di Agata al Club Divino, Tufão riceve un biglietto dove c'è scritto che sua moglie sta per essere sequestrata.
Max e Carminha sono scioccati poiché nessuno oltre loro era a conoscenza del piano, ma decidono di lasciare tutto com'era programmato.
E così, appena uscita dal locale, Carminha viene sequestrata da alcuni banditi, i quali poco dopo chiedono il riscatto.
Nina manda un altro biglietto anonimo a Tufão dove gli rivela l'indirizzo del luogo dove si trova sua moglie, avvertendolo che è stata tutta una messa in scena architettata dalla donna.
L'uomo corre con la polizia ma Max ha già avvertito i sequestratori che hanno sono fuggiti via.
Stanchi di essere comandati da Carminha e Max, i rapitori, però, decidono di agire per conto proprio e sequestrano sul serio la donna.
Max si offre di presentarsi all'appuntamento con i rapitori per consegnare i soldi del riscatto. Tufão lo accompagna e si mantiene a distanza.
Ma sul luogo dello scambio c'è anche Nina che, indossando degli occhiali scuri e un cappello, ha seguito Max, il quale, prima di consegnare i soldi ai rapitori e salvare la sua amante, ha nascosto metà della somma in un secchio di macerie in un vicolo vicino.
Nina aspetta che Max si allontani e corre a prendere i soldi.
Carminha torna a casa ma, con sua grande sorpresa, scopre dal suo amante che i soldi del sequestro sono spariti e che quindi tutto è stato inutile.
Nina, dopo essersi liberata dall'accusa di essere stata lei a sequestrare la padrona, è contenta della prima vittoria contro la sua grande nemica ma ben presto la situazione precipita: Nilo scopre che Betania si sta facendo passare per Rita e si presenta nel suo appartamento.
Nina, allora, gli offre dei soldi per comprare il suo silenzio, ossia parte di quelli che ha rubato a Max e a Carminha, dopo il falso sequestro di quest'ultima.
Jorginho, intanto, che aveva già scoperto che Nina e Rita sono la stessa persona, scopre che la giovane conosceva Carminha molto prima di essere assunta in casa sua come cuoca, poiché sa che la sua madre adottiva ce l'ha a morte con Rita.
Il giovane capisce che sua madre non sa che lei è la vera Rita, poiché all'appartamento si trova di fronte Nilo e Betania. Jorginho non capisce e si rende conto che la ragazza gli ha nascosto qualcosa, va a parlare con lei e la minaccia di raccontare a tutti che lei è Rita.
Nina è costretta a spiegargli il perché del suo comportamento e delle sue bugie: il giovane viene a sapere, così, che Carminha era la sua matrigna, seconda moglie di suo padre, la donna che le ha distrutto la sua vita e che ha ucciso Genésio e poi l'ha abbandonarla alla discarica.
Jorginho in un primo momento stenta a credere alla storia raccontata da Nina e chiede spiegazioni alla madre che gli dice che è vero che è stata matrigna di Rita, ma che è stato suo marito ad abbandonarla.
Il giovane è confuso e va a parlare con Lucinda, che gli conferma tutto.
Il ragazzo chiede scusa a Nina per non averle creduto subito e di lasciare il lavoro per cominciare una vita insieme da soli.
La giovane si convince a mollare tutto ma, una volta giunti in aeroporto, cambia idea e lascia Jorginho, decisa a continuare la sua vendetta.
Il ragazzo è deluso ma presto i due si riavvicinano perché non riescono a stare l'uno lontano dall'altra.
Deborah, mollata da Jorginho, li sorprende insieme e il ragazzo le rivela che la conosceva già da prima e che in passato sono stati fidanzati.
Inoltre il ragazzo affronta suo padre per parlargli di Carminha e di ciò che ha scoperto di lei, e viene a sapere che l'uomo l'ha sposata solo perché si sentiva in colpa per aver investito Genésio.
Tufão, dopo le domande di Jorginho, va a parlare con sua moglie e le chiede se è vero tutto quanto suo figlio gli ha detto.
Ovviamente Carminha nega tutto e capisce che è arrivato il momento di liberarsi di Rita perché ha già detto troppo a suo figlio.
Nina è spaventata e tema che Carminha possa uccidere la sua amica Betania (che crede sia Rita) e così le consiglia di cambiare i suoi piani e dimostrarsi pentita e prometterle in cambio dei soldi per far sì che si dimentichi di lei.
Carminha cade nella trappola di Nina e va a parlare con Betania, le chiede perdono in ginocchio e le promette di fare il possibile per ripagare al danno che le ha procurato, offrendole un corso d'infermiera in un'altra città con i soldi di Tufão.
Betania accetta i soldi e finge di andare a vivere a Minas Gerais, ma poi torna e trova lavoro come benzinaia e ritorna a casa di Lucinda.


CAPITOLO 3

Da questo momento in poi della storia, Jorginho non si dà pace dopo aver scoperto la vera identità di Carminha ed è desideroso più che mai di sapere chi sono i suoi veri genitori.
Così il ragazzo si reca alla discarica per parlare con Lucinda, la quale gli rivela che il suo vero nome è Cristiano ma gli dice di non sapere altro.
Jorginho, allora, chiede aiuto a Neide (Claudia Assunção), una donna che vive da molti anni alla discarica e che sicuramente sa qualcosa in più sul suo passato.
Neide gli rivela di sapere tutto ma in cambio vuole una grossa somma di denaro.
Il giovane cerca di procurarsi il denaro ma Carminha, venuta a conoscenza delle indagini del figlio alla discarica, si reca da Neide per impedirle di rivelargli che è lei sua madre.
La donna è decisa a parlare e non ascolta Carminha poiché in passato le due hanno litigato a causa di Max, il quale aveva avuto un'avventura anche con lei.
Carminha allora si rivolge proprio a Max, approfittando le fatto che Neide sia ancora interessata all'uomo.
Così Max va a far visita alla donna e le regala degli orecchini di brillanti e poi passa la notte con lei.
La donna si convince a non parlare e, quando Jorginho va da lei per sapere chi sono i suoi genitori, la donna gli dice che ha conosciuto sua madre e che, però, la donna é morta. Poi gli mostra una sua foto.
Jorginho è disperato e si sente più solo che mai. Tornando a casa, in un momento di debolezza, abbraccia Carminha e la ringrazia per averlo adottato e portato via dalla discarica.
Carminha non crede ai suoi occhi e, per la prima volta in vita sua, si sente chiamare mamma.
Ma il giovane non si ferma con le sue indagini, vuole visitare la tomba di sua madre e per questo chiede a Debora di accompagnarlo al cimitero.
Sulla lapide di Dinorah, però, vede la foto di una donna di colore e si rende conto di essere stato ingannato.
In questa fase così delicata della sua vita, Jorginho rivive con angoscia tutti i momenti passati alla discarica e, dopo aver saputo che Carminha ha fatto visita a Neide, dubita sulla sua buona fede.
Il ragazzo trova una foto di Carminha da giovane con un cagnolino e così, ricorda quando era piccolo e riesce a vedere il volto di sua madre, che è proprio la donna che lo ha adottato.
Il dolore aumenta quando il giovane scopre che Lucinda era a conoscenza di tutto e che ha taciuto non si sa per quale motivo.
Jorginho è sconvolto e si sente male dopo aver scoperto che la sua vera madre è Carminha e che in più si è sbarazzata di lui quando era piccolo, abbandonandolo in una discarica.
Il giorno della festa in occasione della candidatura a consigliera di Carminha, il giovane sale sul palco per fare un discorso. Ubriaco, dice davanti a tutti che la donna non ha moralità e che la sua maschera è finalmente caduta.
Carminha inizia a piangere ma Tufão lo prega di andare via chiamandolo ingrato. Jorginho dice al padre che non merita una donna simile al suo fianco, ma l'uomo continua a difendere la moglie.
Jorginho più tardi tenta di parlare con Tufão e spiegargli quello che ha scoperto su Carminha, proprio davanti alla donna, la quale finge di sentirsi male dal dolore.
L'uomo, sconvolto, non riesce a credere che sua moglie abbia potuto commettere tante malvagità. Quando, però, si reca da Lucinda, tutti i suoi dubbi vengono chiariti e decide di separarsi da Carminha, abbandonando la villa.
La donna cerca di impietosirlo raccontandogli la sua versione: anche lei è stata abbandonata nella discarica ed è stata violentata da un camionista. Quando poi ha conosciuto Genésio, l'uomo non ha voluto occuparsi della creatura e l'ha
costretta ad abbandonare suo figlio.
Tufão, però, non ama Carminha e si sente sempre più lontano da lei anche se i due non si separano perché ancora una volta l'uomo decide di dargli un'altra possibilità.
In questo momento Tufão si riavvicina a Monalisa che sta attraversando un brutto periodo con Silas (Ailton Graça), suo marito.
Questo riavvicinamento però non dura molto perché Tufão si rende conto di essersi innamorato di Nina.
Tutto inizia quando un giorno la ragazza si trova in cucina con Agata per insegnarle a decorare una torta; Tufão entra in cucina e rimane incantato dai suoi modi affettuosi con sua figlia, rendendosi conto che quei gesti e quelle attenzioni, Agata non li aveva mai ricevute prima.
Anche Jorginho ama la ragazza e dopo una relazione tormentata con lei, decide di troncare definitivamente la sua relazione con Debora, che già aveva lasciato più volte nel corso della storia.
Ma non è tutto: anche Max ci prova con Nina e la giovane approfitta della cosa per continuare il suo piano di vendetta.

 

CAPITOLO 4

Nina e Jorginho continuano la loro relazione di nascosto; la ragazza finge di avere un fidanzato che però nessuno ha mai visto, per calmare in questo modo i sospetti di Carminha.
La donna però, venuta a sapere che suo figlio ha avuto una storia Rita, è preoccupata perché il figlio è spesso fuori casa, anche se sa che la ragazza ora si trova lontano grazie ai suoi soldi.
Intanto Zézè, domestica di Carminha, sorprende Monalisa e Tufão insieme e corre a parlarne con la padrona.
Ancora una volta Carminha riesce a passare da vittima; la donna si reca al negozio di parrucchiera di Monalisa e la umilia davanti a tutti accusandola di andare a letto con un uomo sposato, suo marito.
Poi ritorna a casa e fa finta di avere intenzione di andare via e di lasciare per sempre Tufão, interpretando il ruolo di donna tradita e distrutta dal dolore.
Tufão le chiede perdono e la supplica di non andare via, credendo di essere stato ingiusto con lei e di non averla rispettata.
Intanto Nina si avvicina sempre di più a Max per ottenere maggiori informazioni su Carminha e raccogliere le prove per incastrarla.
Max contatta il figlio di una delle domestiche di casa, Lùcio, e gli chiede di entrare in casa e rubare i soldi dalla cassaforte.
Il giovane non vuole accettare, ma Max gli promette di disattivare personalmente l'allarme, perché tutto riesca senza correre rischi.
Il giorno del furto, però, Rita, che aveva ascoltato tutto, attiva l'allarme che Max aveva disattivato poco prima.
Lùcio viene scoperto da sua madre e Nina entra in scena promettendo di aiutare il ragazzo a fuggire, dimostrando così a Max di essere dalla sua parte.
Max sorprende Nina e Jorginho insieme in un bar e capisce che tra i due c'è del tenero. Così l'uomo le propone di allearsi con lei in cambio del suo silenzio.
Carminha si irrita molto quando viene a sapere che il suo amante ha architettato un piano da solo per rubare dei soldi, ma l'uomo le dice che è stanco di essere suo schiavo e di non avere la ricompensa che si merita e che sta aspettando da più di dieci anni.
Carminha, sospettando sempre di più che suo figlio si veda ancora con Rita, decide di rivelare a Tufão l'esistenza della figlia di Genésio e gli confessa che Jorginho ha avuto una una relazione con lei.
Tufão si sente ingannato da suo figlio perché non gli aveva mai parlato della sua storia con la giovane.
In un momento di sconforto Tufão si confida con Nina, senza sapere che è proprio lei la figlia del defunto marito di Carminha.
Ed è tra lacrime e disperazione che l'uomo rivela di aver investito Genésio.
La ragazza rimane scioccata ma poi capisce che si è trattato di una disgrazia e che l'uomo è davvero dispiaciuto.
Intanto Jorginho trova Nina sempre più strana e decide di seguirla: con sua grande sorpresa la vede in compagnia di Max in atteggiamenti molto intimi.
Nina tenta di spiegargli che è tutta una messa in scena per smascherarlo e gli rivela che è stato lui ad architettare il furto in casa.
Jorginho torna a casa e dice davanti a tutta la famiglia che Max è un traditore e che è stato lui ad organizzare la rapina.
Il giovane non viene preso in considerazione ma Max decide ugualmente di abbandonare la villa e di andare a vivere da solo per non creare problemi.
Nel nuovo appartamento l'uomo riceve sempre più spesso le visite di Nina, che si finge sua amica e complice, dimostrandogli che a differenza di Carminha, lei si che ha considerazione per coloro che l'aiutano.
Infatti di lì a poco la ragazza gli darà molti soldi, presi sempre dal denaro del finto sequestro.
Intanto Carminha paga Nilo per sapere dove vive Rita/Betania e si reca da lei per minacciarla di stare lontana dalla sua famiglia.
Max ne parla con Nina che si dimostra molto preoccupata per la sorte dell'amica. L'uomo non capisce perché lei sia così interessata a Rita e decide di indagare perché qualcosa non quadra.
E così scoprirà grazie ad un bambino che vive alla discarica che Nina è Rita e che la ragazza che si è fatta passare per lei è Betania.
Max capisce di essere stato ingannato da Nina e l'affronta minacciandola di rivelare tutto a Carminha.
La ragazza è costretta a dargli altri soldi, ben 100.000 reais.
Intanto Carminha sospetta, a causa delle pressioni di ZèZè, gelosa del rapporto tra Nina e la padrona, che la ragazza nasconda qualcosa.
Così la donna decide di seguirla quando per l'ennesima volta Nina finge di andare a trovare sua madre, che è molto malata.
Carminha vede che la ragazza sta entrando in un bar e che aspetta qualcuno, altro che correre dalla madre moribonda.
E così l'affronta e chiede spiegazioni. La ragazza finge di aver mentito per nascondere la sua relazione con un uomo sposato, relazione della quale di vergognava.
Carminha crede alla storia ma indaga ulteriormente e scopre che la sorellastra di Nina è arrivata dall'Argentina e che la ragazza ha ricevuto un'eredità dal padre adottivo.
La donna ne parla con Tufão e gli confessa di sospettare che Nina sia complice di Rita.
Le due, infatti, vengono sorprese insieme e quando Carminha chiede spiegazioni a Nina, lei le dice di essersi avvicinata alla ragazza solo per essere sicura che non la molestasse più e non tentasse di vendicarsi di lei.
Carminha non è convinta della versione e vorrebbe licenziarla, ma Tufão le chiede di non farlo.
Intanto Nina, avendo bisogno di altri soldi per pagare Max, va a prendere il denaro nascosto a casa del misterioso Santiago, amico di Lucinda.
Quest'ultima, infatti, dopo aver ricevuto da Nina l'incarico di nascondere i soldi del falso sequestro, ha ritenuto opportuno consegnarli a Santiago.
E così, per evitare che Max possa raccontare la verità sulla sua identità alla famiglia di Tufão, gli consegna ben mezzo milione di reais.
Max rivaluta Nina, perché Carminha non gli ha mai dato così tanti soldi e decide di non parlare.

 

CAPITOLO 5

Intanto Jorginho è disperato perché si è convinto che tra Max e Nina ci sia del tenero e invano sono i tentativi della ragazza di spiegargli che è solo un piano per smascherarlo.
Il giovane, sempre più confuso dagli ultimi avvenimenti, decide di andare in campeggio. Ma una sera, in piena crisi di sonnambulismo, cade da un precipizio e si ferisce.
Il giovane rimane incosciente per alcuni giorni ma poi si recupera del tutto e torna a casa.
ZèZé continua le sue indagini per la padrona e sorprende Nina mentre conversa con Nilo e gli dà dei soldi.
Carminha trova tutto molto strano e decide di parlare con Nilo per chiedergli spiegazioni.
Ma prima scopre la vera identità di colei che crede Rita, grazie al suo nuovo complice, Lùcio, che la conduce nell'abitazione di Betania e smaschera la ragazza davanti a lei, mostrandole i suoi documenti.
Giunti a casa di Nilo, l'uomo non può evitare di nascondere il segreto di Nina; Carminha trova nell'appartamento della ragazza le sue foto da piccola e la bambola che le piaceva tanto.
La donna va su tutte le furie perché la Rita che tanto odiava è stata per tutto il tempo in casa sua senza che lei se ne accorgesse.
Carminha corre alla villa e, approfittando che tutta la famiglia sia in vacanza a Cabo Frio, decide di attuare il suo piano di vendetta.
La donna fa finta di non aver scoperto nulla, invitando Nina a conversare nella sua stanza, come suo solito.
Le due amiche chiacchierano tranquille ma la perfida donna ha messo del sonnifero nel suo succo di frutta e, facendo finta che abbia un sapore strano, chiede a Nina di assaggiarlo per lei perché le sembra scaduto.
Nina lo beve subito e in quel momento Carminha le dice che ha scoperto tutto sulla sua vera identità e che le ha messo qualcosa nel succo.
Nina è sconvolta e poco dopo cade al suolo come morta.
Carminha ordina a Lùcio di avvolgerla in una coperta e, dopo averla rinchiusa nel portabagagli, la conduce in un cimitero.
Quando Nina si risveglia si ritrova sepolta viva, solo con il volto scoperto.
Carminha a questo punto ordina a Lùcio di spararle.
Il giovane, però, non spara perché era tutta una messa in scena per spaventare la ragazza.
Nina è spaventata e chiede perdono alla matrigna promettendo di allontanarsi per sempre da Jorginho e da Tufão.
Carminha e Lùcio vanno via lasciandola sporca e senza forze, ridendo e festeggiando per la vittoria.
Ma nemmeno l'angoscia vissuta in quei momenti riesce a frenare la sete di vendetta di Nina, che decide di continuare con il suo piano e di usare tutte le armi che non ha potuto utilizzare finora.
Per questa ragione Nina va a stampare le foto che ha scattato a Max e Carminha mentre erano a letto, e poi entra nella villa e riempie tutto il salone con le foto.
Quando Carminha rientra in casa, si ritrova Nina davanti e ne è meravigliata perché era convinta di essersi liberata di lei.
Nina le dice che la cena è pronta e che si è occupata della casa e ha deciso di cambiare un po' l'arredamento, aggiungendo un tocco di originalità.
La ragazza accende la luce e si ritrova tutta la stanza completamente piena di foto di Max e Carminha in atteggiamenti intimi.
Da questo momento Nina inizia la sua vera vendetta nei confronti della donna che le ha rovinato la vita, dicendole: "Adesso io sono la madame e tu la domestica!"
La ragazza obbliga Carminha a servirle la cena, a farle massaggi, a prepararle il bagno, insomma tutte le cose che prima faceva lei.
Inoltre Nina fa tagliare i capelli all'ex padrona, umiliandola e rendendola sciatta e disordinata.
Tutti si accorgono dello strano comportamento di Carminha e credono sia impazzita.
Max, che ha accettato di stare dalla parte di Nina per denaro, inizia a pensare che la ragazza abbia superato ogni limite umiliando la sua amante e passa nuovamente dalla parte di Carminha, organizzando l'ennesimo piano contro Nina, ma fallendo ancora una volta.
Intanto Jorginho è disposto a tutto pur di conoscere le sue origini e scopre che è nipote di Nilo e Lucinda, un tempo marito e moglie.
Il ragazzo allora si reca da Santiago (Juca de Oliveira), papà di Carminha e amico di Lucinda, ma non riesce a sapere altro.
Carminha non regge più la situazione: Nina la umilia e ricatta, Max non è più disposto a seguire solo lei ma chi gli dà più soldi, Jorginho sta scoprendo tutta la verità, Tufão non la ama più da tempo.
La donna ha spesso delle crisi nervose e viene ricoverata in una clinica di riposo su volere del marito che non vede alternativa.
Carminha, però, fugge dalla clinica grazie a ZéZè, ma non riesce ad impedire che suo figlio scopra chi è suo padre.
Jorginho, infatti, si reca a casa di Neide, la quale gli rivela che è figlio di Max e Carminha e che quindi Max è figlio di Nilo e Lucinda.
Il giovane è ancora più sconvolto e si reca alla discarica per parlare con Lucinda. Lì trova Nina che gli mostra le foto del tradimento di Carminha e Max, spiegandogli che è stato quello il motivo per il quale ha dovuto far finta di essere dalla parte di suo padre.
Jorginho e Nina si baciano e si promettono di non separarsi più, e di allontanarsi da coloro che li hanno più feriti.
Il giovane chiede alla ragazza di sposarlo, proprio come avevano fatto quando erano piccoli alla discarica. Nina accetta felice.
Il giorno delle nozze tutto sembra perfetto ma Carminha si presenta alla festa e trascina Nina per il braccio, facendola ferire con una bottiglia di vetro.
Nina viene portata in ospedale da Jorginho e poco dopo arriva anche Tufão, il quale confessa al figlio di essersi innamorato della giovane.
Jorginho è sconvolto dalla notizia e decide di nascondergli la sua relazione con Nina per non farlo soffrire. Tufão chiede il divorzio a Carminha e invita Nina a cenare con lui per dichiararsi.
Durante la cena, Nina confessa a Tufão che sta per sposarsi. L'uomo allora non può fare altro che rassegnarsi e augura ogni bene alla ragazza.
Di ritorno a casa, Tufão affronta ancora una volta la moglie che non vuole abbandonare la casa. L'uomo le dice che si è innamorato di Nina, e Carminha, da grande attrice qual è, interpreta ancora una volta la parte della moglie tradita e, davanti a tutta la famiglia, dichiara di essere stata lasciata per colpa di Nina.
La ragazza decide di abbandonare la villa per non creare altri problemi a Tufão e a Jorginho.
Intanto Carminha riesce a procurarsi le foto che la incriminano, entrando con Lùcio nell'appartamento di Betania. Nina, però, aveva nascosto altre copie a casa di Debora, ma anche queste vengono scoperte, con la complicità di Nilo, il quale, sempre alla ricerca di soldi, ha ceduto volentieri al ricatto della donna.
Nina è disperata e Carminha ne approfitta per rivelare alla famiglia che la ragazza che ha lavorato come cuoca in casa loro non è nient'altro che Rita, una sporca criminale infiltrata per vendicarsi della matrigna.
La ragazza viene accusata da tutti e anche da Tufão, che è il più deluso dal suo comportamento, soprattutto dopo aver scoperto la sua relazione con Jorginho.
Nina decide di partire e andare il più lontano possibile, credendo così di porre fine a tutta la storia e liberarsi di Carminha.
Ma il giorno della partenza, all'aeroporto, Lùcio sostituisce la valigia della ragazza con una identica con 500.000 reais.
Nina viene imprigionata insieme a Jorginho, ritenuto suo complice.
L'incubo per la ragazza non è ancora finito...

 

CAPITOLO 6

Jorginho confessa a Tufão che la rapina alla villa è stata organizzata da Carminha e da Max, da tempo amanti e suoi veri genitori.
Tufão racconta tutto alla sua famiglia che resta scioccata dalla notizia. Ovviamente Carminha si difende dicendo che è tutta una menzogna inventata da Nina per screditarla.
La donna mostra a tutti un video realizzato da Lùcio nel quale si vedono Max e Nina abbracciati in atteggiamenti equivoci.
La famiglia di Tufão non si fida più di Carminha, nonostante il video che incrimina Nina, e si reca alla ONG, l'associazione tanto cara alla donna alla quale lei diceva di fare sempre delle generose donazioni.
Leleco e Tufão scoprono così che Carminha non ha mai donato nulla alla ONG perché la struttura si trova in pessime condizioni.
Inoltre Tufão scopre, grazie a Neide, che Carminha è stata anche prostituta.
La donna si trova con le spalle al muro e decide di eliminare Max, non potendo contare più sul suo silenzio.
Con la complicità di Lùcio, Carminha mette qualcosa nel bicchiere di Max, il quale viene trasportato in una barca, che successivamente affonderà.
Ma la donna non sa che Lucinda l'ha seguita e  riesce a salvare la vita al figlio.
Max decide di vendicarsi di Carminha ripagandola con la stessa moneta. L'uomo  riesce a procurarsi le foto scattate da Nina, le mette in un pacchetto e le invia alla famiglia di Tufão, che caccia Carminha di casa.
Tufão in questi momenti difficili si avvicina nuovamente a Monalisa, la quale lo ha sempre amato ed è felice che si sia liberato della moglie.
Max, però, stanco di essere stato sfruttato e tradito prima da Carminha e poi da Nina, sequestra le due donne e le porta alla discarica, in casa di Lucinda.

Jorginho riesce a raggiungere il padre ma quest'ultimo dà fuoco alla casa. In quel momento arrivano anche Tufão, Leleco, Lùcio, Muricy, Ivana e Janaìna. In mezzo a tutta quella confusione, Max viene assassinato.
Ma chi ha ucciso Max? Sul luogo del delitto si trovavano 12 personaggi, ognuno con un motivo per uccidere il villano:
1) Nina, minacciata più volte da Max, che odia profondamente perché è stato lui ad abbandonarla alla discarica su ordine di Carminha:
2) Carminha, che già ha tentato più volte di eliminare il suo complice, facendo affondare la sua barca;
3) Jorginho, che voleva vendicarsi del dolore causato alla sua famiglia, e di essere stato abbandonato alla discarica dal suo padre biologico, che non ha mai accettato, e disposto a tutto per difendere Nina, la donna che ama;
4) Tufão, anche lui tradito e derubato da Max e Carminha da più di dieci anni;
5) Lucinda, madre di Max, cosciente delle colpe del figlio e disperata perché non è mai riuscita a fargli cambiare vita;
6) Nilo che, nonostante sia il padre di Max, ha sempre maltrattato il figlio e discuteva spesso con lui;
7) Ivana, moglie di Max, tradita dal marito con Carminha, che già aveva minacciato con un coltello dopo aver scoperto tutto;
8) Muricy, che ha sempre appoggiato Carminha e Max, ed è distrutta per aver difeso le persone che più hanno fatto del male alla sua famiglia;
9) Leleco, che ha minacciato più volte il genero nel caso avesse fatto del male a sua figlia;
10) Janaìna, furiosa con Max per aver coinvolto suo figlio Lùcio nei suoi sporchi affari, e che per questo aveva minacciato di morte il padrone;
11) Lùcio, che è diventato amante di Carminha e ha aiutato la villana a liberarsi di Max sabotando la sua barca;
12) Santiago, padre di Carminha, personaggio misterioso che non ha dimostrato ancora la sua vera natura.

Carminha va a casa di Santiago ed è qui che si scoprirà che questo misterioso personaggio non è per niente positivo, ma è il più perfido di tutti.
Infatti, Santiago in passato è stato l'amante di Lucinda, allora sposata con Nilo. Quando Nilo scoprì il tradimento della consorte, raccontò tutto alla moglie di Santiago.
La donna, sconvolta dalla scoperta, si precipitò a casa di Lucinda e uccise sua figlia, Clarinha, per punire l'adultera nel peggiore dei modi.
Lucinda, distrutta dal dolore, dopo essere stata accusata dal marito della morte della loro bambina, perse le staffe e sparò alla moglie di Santiago.
Lucinda finì in carcere confessando il suo delitto, e Carminha, allora solo una bambina di cinque anni, sconvolta dalla morte della madre, fuggì di casa.
Santiago non si curò minimamente di lei e la lasciò vivere insieme a Nilo, il quale l'allevò come sua figlia insieme a Max alla discarica.
Ma non è tutto: non fu Lucinda ad uccidere la moglie di Santiago, ma quest'ultimo, dopo che la donna andò via credendo di aver commesso l'omicidio.
Carminha vide tutta la scena e sia lei che Nilo, pur conoscendo tutta la verità, l'hanno sempre taciuta.
Santiago non ha mai amato sua moglie, ma voleva eliminarla per impossessarsi della sua eredità, e usò Lucinda, approfittandosi di lei.
Dopo aver scontato la pena ingiustamente, e sentendosi intrappolata dai sensi di colpa, Lucinda rivede Carminha, ormai diventata una donna fredda e calcolatrice, disposta a tutto per soldi.
Infatti, Carminha si troverà nei guai con la giustizia e Lucinda l'aiuterà per non farla finire in carcere, ripagando, anche se solo in parte, il male che crede di averle fatto uccidendo sua madre.

A questo punto della storia Lucinda, dopo le indagini della polizia sulla morte di Max, si consegna alla polizia confessando di aver ucciso suo figlio.
Carminha e Nilo, pur sapendo che la donna è innocente, e che sta per scontare una seconda volta ingiustamente la pena, tacciono.
Nel frattempo Santiago si avvicina alla famiglia di Tufão con l'intenzione di conquistare la sua fiducia e ottenere facilmente qualcosa in cambio.
L'uomo, infatti, racconta a Tufão che è stato amante di Lucinda e che la donna ha ucciso sua moglie, lasciandolo nella più totale disperazione.
Intanto Nilo, essendo a conoscenza di tutta la verità, è diventato un pericolo per Santiago, che teme di essere smascherato.
Così quest'ultimo mette della droga nel bicchiere di Nilo, il quale muore di overdose.
Prima di morire, però, Nilo riesce a raccontare tutta la verità a Nina e a Lucinda, la quale rimane scioccata dalla rivelazione e dalla malvagità di Santiago, che credeva un amico.
Quest'ultimo prepara un colpo ai danni di Tufão, sequestrandolo, sotto gli occhi di Carminha, la quale non è d'accordo con il piano del padre ma è costretta a rimanere nel silenzio e a rinunciare alla sua fuga con Lùcio.
Nina e Jorginho non si fidano molto di Santiago e decidono di indagare per scoprire se l'uomo ha a che fare con il sequestro di Tufão.
Nina riesce a raggiungere il luogo dove si trova Santiago ma viene catturata.
In quel momento Carminha si trova a dover scegliere, su richiesta del padre, chi dev'essere ucciso prima: Nina o Tufão?
Carminha sorprende tutti e, dopo aver preso la pistola di Santiago, gli spara e lo uccide.
Nina e Tufão sono liberi e Carminha viene messa in prigione confessando i suoi crimini, compreso l'omicidio di Max.
Lucinda esce dal carcere e qualche giorno dopo  va a far visita a Carminha, promettendole che quando avrà scontato la pena, lei sarà sempre disposta ad accoglierla a braccia aperte in casa sua.
Passano tre anni e la vita alla villa di Tufão è più tranquilla: Nina e Jorginho annunciano a tutti di aspettare un bambino.
Carminha esce di prigione e torna alla discarica, luogo dove tutto è cominciato, e decide di restare per sempre accanto a Lucinda, allontanandosi dalle ricchezze che ha sempre sognato.
Passa un altro anno e la donna si trova ancora alla discarica. Un giorno Carminha riceve una visita inaspettata: Nina e Jorginho vogliono farle conoscere suo nipote.
Carminha chiede perdono a Nina e anche la ragazza chiede scusa per le cose che le ha fatto per vendicarsi di lei. Su richiesta di Lucinda, le due si abbracciano commosse.
La telenovela si conclude con la vittoria della squadra di Tufão al Campionato del Divino Futebol Club.
FINE

 

 

 

 

 


 

 
 

Risoluzione consigliata 1024 x 768

 

Siti